Cambi al vertice

Chiedono un incontro pubblico per conoscerli da vicino, apprendere il loro programma e le soluzioni che propongono ai problemi della Facoltà. L’appello arriva dai rappresentanti degli studenti neo eletti ai due candidati alla carica di Preside, i professori Eugenio Mazzarella ed Arturo De Vivo. Del resto gli studenti saranno chiamati alle urne per esprimere la loro preferenza. “Vorrebbero capire, soprattutto quali sono le differenze e gli obiettivi che si prefiggono di raggiungere nell’arco dei prossimi tre anni. Sono tanti gli interrogativi a cui dare una risposta. In gioco c’è molto e anche tanta confusione”, dice Paolo De Martino, vicepresidente del Consiglio di Ateneo e Senatore Accademico, dimissionario, per incompatibilità, dalla carica di rappresentante nel Polo delle Scienze Umane e Sociali. A sostituirlo, probabilmente, Esmeralda Picardi, iscritta a Scienze del Servizio Sociale ed eletta nella lista di Confederazione. Data del cambio della guardia, il 18 febbraio (mentre andiamo in edicola), quando ci sarà la riunione del Consiglio di Studenti di Facoltà per la cui presidenza due sono i nomi che circolano Vincenzo Capezzuto e Giancarlo Marino. Quella di Capezzuto sarebbe una presidenza transitoria perché è prossimo alla laurea (prevista per l’estate). Marino, diversamente dal primo che è del vecchio ordinamento, è un neo iscritto ma ha le idee ben chiare: innanzitutto lavorare a sostegno dei soggetti diversamente abili, così come ha fatto finora Antonio Adamo. In ogni caso, elezioni a parte, Marino ha già assicurato il suo contributo alla Commissione spazi. E, a proposito di novità, sempre nel piano di revisione delle strutture, si aspetta il trasferimento dello sportello S, dedicato a risolvere i problemi dei portatori di handicap. A quanto pare, il centro operativo lascerebbe lo studio del referente, la prof.ssa Valerio, per spostarsi nell’attuale sede del Consiglio degli Studenti, collocato a piano terra di Porta di Massa. Quest’ultimo andrà ad occupare gli spazi lasciati dall’ex biblioteca di Filosofia. Tempi previsti, tre settimane. Se tutto va bene i lavori di trasloco dovrebbero terminare entro la prima settimana di marzo.      (E. Di M.)
- Advertisement -




Articoli Correlati