Commerciale e Diritto Civile, le domande più frequenti agli esami

Come tutti gli anni, il ruolo di esame “impossibile” sembra spettare a Diritto Commerciale che, a detta degli studenti di Giurisprudenza, va preparato con cura assoluta e rischia di abbassare sensibilmente anche medie eccellenti. Ma si tratta davvero di un esame così impossibile da superare e, soprattutto, perché? Le statistiche sembrano in parte dare ragione ai ragazzi: anche quest’anno, il numero dei bocciati sembra superare (anche se di poco) quello dei promossi. Eppure, a detta di chi lo ha superato, basta “ragionare sui concetti, non limitarsi ad uno studio mnemonico”, come precisa Giancarlo Salzillo, il quale suggerisce di “prestare particolare attenzione alle Obbligazioni e all’Amministrazione nelle società di persone”. Francesco D’Alessio è tra quelli che non hanno superato l’esame: “ciò che posso consigliare, sulla base della mia esperienza, è di studiare tutto nei minimi dettagli, non trascurare nemmeno un piccolo paragrafo, soprattutto se si tratta di SRL e Creditori particolari dei soci”. Ornella Petrone, invece, ha superato l’esame “studiando soprattutto in maniera mnemonica e non tralasciando nulla” e rivela quali sono gli argomenti da preparare meglio: Delibere Invalide, Titoli di debito, Società e comunione ed SRL. “Tutto sta nel trovare il giusto metodo, il giusto equilibrio tra uno studio mnemonico e ragionato. Quello che posso consigliare è di non lasciare nulla al caso, studiare con precisione, in particolare Collettive irregolari, Assemblea totalitaria, Creditori sociali ed SRL. Certo, la percentuale di bocciati è molto alta e anche i voti dei promossi non sono dei migliori, ma definirlo “impossibile” mi sembra troppo”, afferma Lucia Ronga che ha superato l’esame con i complimenti della Commissione. Infine, Cristina: “senza ombra di dubbio è stato un esame molto difficile, per quantità di lavoro e argomenti, per cui non mi stupisce che anche quest’anno la percentuale dei bocciati sia stata superiore al 50%, ma, da studentessa, debbo ammettere che molto spesso ad incrementare questa leggenda dell’impossibilità dell’esame sono persone che si presentano con una scarsa preparazione”. 
Situazione totalmente diversa, invece, all’esame di “Diritto Civile”, che non sembra dare grosse preoccupazioni agli studenti. Antonio Maffini confida: “su circa 30 studenti esaminati in una mattinata c’è stato un solo bocciato. Le domande più frequenti sono state quelle riguardanti le Vendite speciali. Dello stesso parere Sara Russo: “Vendita obbligatoria, Difetto di conformità e Vizi giuridici, sono gli argomenti da studiare in modo approfondito. E’ vero che fino ad ora i professori non hanno bocciato molto, ma si sono mantenuti alquanto bassi con i voti”. Antonio Di Natale spiega: “questo è un esame che, se studiato, non può riservare brutte sorprese, per cui non ho grandi timori; l’argomento non è difficile e il carico non è eccessivo”. Diletta Oliviero ha superato la prima parte “dopo un mese di studio intenso. I professori non mi hanno posto domande sulla parte generale, ma su argomenti specifici come Vendite speciali e Garanzia”. Anche Michele Funiciello sembra abbastanza sicuro di sé : “io ho superato parte dell’esame studiando approfonditamente sulle dispense: sono indispensabili e anche facili da comprendere. Ci sono ovviamente degli argomenti da studiare con maggiore attenzione, come Vendite speciali e Garanzia Europea, ma in linea di massima non è un esame impossibile”.                                                                   
Anna Verrillo
- Advertisement -





Articoli Correlati