Farmacia anticipa il Governo

Lettera aperta a Silvio Berlusconi. Oggetto: la campagna di informazione sul farmaco voluta dal premier, con l’invio di opuscoli a tutte le famiglie italiane. Mittente: il prof. Ettore Novellino, Preside della Facoltà di Farmacia dell’Università Federico II. “Caro Silvio, pur condividendo i contenuti e le finalità della tua iniziativa, stavolta devo dire che sei arrivato secondo, per cui la prossima volta fai la mossa vincente rivolgendoti a noi”. Il Preside riprende lo slogan che ha caratterizzato l’analoga campagna organizzata dal nuovo Centro Interdipartimentale di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione che sarà inaugurato ufficialmente a febbraio, un centro di ricerca che ha lo scopo di portare avanti l’analisi sul corretto ed appropriato utilizzo dei farmaci. Istituito con decreto rettorale lo scorso luglio e riconosciuto dalla Regione Campania con delibera di Giunta “Centro di riferimento regionale per le indagini epidemiologiche, di consumo e di spesa”, è già funzionante e ha recentemente prodotto una campagna di sensibilizzazione sul corretto utilizzo dei farmaci. “Fai la mossa vincente: 12 consigli pratici per vivere meglio e più a lungo”, questo il motto. Il Preside è soddisfatto del lavoro svolto: “abbiamo realizzato due filmati che stanno andando nelle scuole medie superiori e dei maxi spot. Un’iniziativa che ha anticipato quella del governo!”. 
E per quanto riguarda gli studenti della Facoltà di Farmacia? Quali novità? Si parte dall’edilizia: “sta andando avanti la progettazione del corpo D, conterrà solo aule per gli studenti – dice il prof. Novellino- Sarà completata prima dell’estate, poi verrà definito il bando di appalto”. A maggio si terrà il Career Day, “un’occasione importante per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Ho avuto molte richieste da parte delle aziende perché quest’evento consente di bypassare le agenzie di ricerca del personale, che cercano le risorse umane in base a standard predefiniti, ed effettuare una selezione più mirata e diretta”. Infine, le nomine di nuovi docenti e ricercatori. “Privilegiamo l’acquisizione di nuove leve, ricercatori le cui energie aiutano a migliorare la qualità della didattica- sottolinea il Preside- quindi destiniamo solo una parte dei fondi alla progressione di carriera interna, la parte restante viene impiegata per assumere nuovi ricercatori, in maniera tale da bilanciare meglio anche il rapporto numerico tra studenti e docenti”.
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati