Giurisprudenza e Scienze Politiche, tra tradizione e innovazione

Dove studiare Giurisprudenza o Scienze Politiche, in presenza di una  offerta didattica così ampia?.  Una risposta l’hanno fornita i docenti intervenuti nel dibattito del 4 ottobre (Aula A) che ha fatto seguito all’apertura della manifestazione. “I vostri genitori avevano uno o due atenei di riferimento – ha sottolineato il Preside della Facoltà del Suor Orsola Franco Fichera- quasi tutti si iscrivevano alla Federico II. Attualmente, invece, abbiamo più di una facoltà giuridica, ciascuna con le sue particolarità”. Ha ricordato anzitutto le antiche radici della Facoltà, il prof.  Francesco Santoni, delegato per l’orientamento a Giurisprudenza del Federico II. “L’imperatore Federico II intese istituire un centro di studi dove si potessero formare i quadri dell’amministrazione dell’impero”. Ancora oggi, coloro che intendono far parte dell’alta burocrazia e gli aspiranti operatori delle professioni legali, trovano nella Federico II una scuola giuridica di eccellenza, che ha tra i suoi primati quello delle più alte percentuali di laureati vincitori di concorsi importanti, come quelli per diventare notaio e magistrato. “Per ottenere questi risultati è però necessario continuare a studiare per un certo periodo dopo la laurea”, ha precisato il prof. Santoni. La professoressa Lucia Monaco (Seconda Università) ha offerto un quadro logistico-strutturale della sua Facoltà, più roseo che in passato. Palazzo Melzi a Santa Maria Capua Vetere è la sede principale, in più da quest’anno c’è un nuovo aulario con due grandi aule da 500 posti ciascuna e vari laboratori didattici. 
Diverse possibilità anche per chi si indirizza agli studi politici. Facoltà da sconsigliare: “a chi non legge i giornali, a chi ignora cosa sta succedendo in Iran e in Afghanistan, a chi non vuole apprendere le lingue”, come ha detto nel suo incisivo intervento il Preside di Scienze Politiche de L’Orientale Amedeo Di Maio. Ha aggiunto: “la passione va individuata con una buona dose di sicurezza; è bene che si scelga seguendo il cuore, ma non va dimenticato che le passioni possono anche essere irrazionali: del primo amore a volte si dice che è stato uno scampato pericolo”. La prof.ssa Gabriella Di Martino (Federico II) ha sottolineato la base culturale spinta della Facoltà che offre “uno sguardo ampio sul mondo con esami di economia, di storia, di comunicazione, di lingue, di sociologia. Voi potrete poi dare a questi settori disciplinari dei tagli più specifici grazie agli esami facoltativi”. Gli sbocchi professionali: “quando si è preparati si trova sempre il proprio percorso lavorativo”. L’ultima relatrice è stata la prof. Rosanna Verde, che ha parlato della neonata facoltà di Studi Politici della SUN, che ha sede a San Leucio e che si rivolge a tutti coloro intendono approfondire le discipline di ambito giuridico-economico.
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati