La Cisl per Trombetti

Dal sindacato di maggioranza del Federico II, riceviamo e pubblichiamo.
* * *
“La nostra Università si appresta a vivere un momento significativo di partecipazione e di espressione democratica sulla scelta di chi dovrà guidarla nel prossimo futuro:
il giorno 10 maggio avranno inizio le operazioni di voto per l’elezione del Rettore per il quinquennio 2006-2010
Il nostro sindacato ha tradizionalmente evitato di esprimersi e ha sempre mantenuto una posizione di neutralità rispetto alle diverse opzioni che si presentavano, consapevole di avere un ruolo che impone il mantenimento di una forte autonomia da coloro che, inevitabilmente, vanno a ricoprire incarichi che determinano una posizione istituzionale di “controparte”.
In questa occasione non sono presenti candidature alternative a quella del Rettore uscente, prof. Guido Trombetti e, quindi, ci sentiamo nella condizione di potere svolgere qualche riflessione sull’azione svolta e sulle linee programmatiche presentate, certi di restare pienamente ancorati al nostro ruolo.
Ci piace sottolineare un aspetto non trascurabile che si è imposto nel passato mandato del prof. Trombetti: ci riferiamo allo stile di conduzione. E’ stato uno stile improntato a  stimolare la massima partecipazione alla vita dell’Ateneo, a rendere praticabile in ogni circostanza il dialogo, a cercare di coniugare la spinta alla modernizzazione con il rispetto della tradizione, a favorire lo scambio informativo e comunicativo come momento di allargamento della base di partecipazione attiva alle decisioni, a incentivare il senso di appartenenza di tutti coloro che a diverso titolo e in differenti posizioni sono presenti nella vita dell’Ateneo federiciano. Crediamo che su questa base si sia potuto procedere per ottenere alcuni risultati che non sfuggono ad alcuno:
Il consolidamento del ruolo essenziale che il nostro Ateneo riveste nel tessuto cittadino e regionale sul piano dello sviluppo economico e sociale;
L’aumentata capacità di offerta formativa che si è prodotta;
I lusinghieri riconoscimenti ottenuti nel campo della ricerca scientifica che vede il nostro Ateneo collocarsi ai primissimi posti sul piano nazionale;
L’apertura sempre più ampia all’internazionalizzazione dei rapporti;
Il basso livello di conflittualità con le istanze sociali;
Il rafforzamento dell’autonomia e della visione di “bene pubblico” di ciò che l’Università “produce”;
Il miglioramento dei servizi offerti agli studenti e all’utenza in generale;
Il continuo progresso dei sistemi di informatizzazione applicati alla gestione amministrativa e alla didattica;
La programmazione attenta per soddisfare le esigenze di reclutamento dei giovani e, quindi, di nuove energie in grado di assicurare il futuro e ulteriore sviluppo dell’Ateneo;
La seria pianificazione degli interventi sul patrimonio edilizio esistente e sulla sua espansione.
Noi svolgeremo come sempre la nostra parte di attenti e rigorosi interlocutori sui temi dell’organizzazione del lavoro, della difesa dei diritti dell’utenza, della trasparenza dell’azione amministrativa, in sintonia con la sostenibilità dei processi di sviluppo e modernizzazione dell’Ateneo, sicuri che il dialogo aperto dal Rettore con le forze sociali continui con le caratteristiche fino ad oggi verificate di reciproco rispetto e capacità di ascolto.
Sulla base di queste riflessioni la CISL-Università Ateneo Federico II auspica che una larga partecipazione al voto assicuri al prof: Guido Trombetti una rielezione suffragata da un consenso ampio”. 
Luigi Mastantuono
(Segretario Generale Cisl)
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati