Laurea honoris causa al Presidente del Senegal

Una laurea honoris causa ad un capo di stato in carica. “È la prima volta nella storia della Federico II. Si tratta di un evento che ci rende orgogliosi”, dichiara Raffaele Feola, Preside di Scienze Politiche. Un manto di prestigio per la Facoltà che “entro fine anno consegnerà ad Abdoulaye Wade, presidente del Senegal in odore del premio Nobel per la pace, l’importante onorificenza”.
Riprendono il 7 marzo le lezioni del secondo semestre delle lauree triennali. Una settimana dopo, i corsi delle Specialistiche. In particolare, il 14 marzo cominceranno le lezioni di Studi europei e Scienze della pubblica amministrazione, Specialistiche rispettivamente dei corsi di laurea in Scienze Politiche e in Scienze Politiche dell’Amministrazione; nello stesso periodo partiranno anche i corsi del secondo semestre della Specialistica in Statistica, già avviata ad ottobre. L’elemento peculiare del biennio di specializzazione è che “tutte le lezioni saranno di tipo seminariale – spiega il Preside – nel senso che i docenti, coadiuvati dai loro collaboratori, coordineranno attività di ricerca che avranno come protagonisti gli studenti”. In altre parole, il collegio dei docenti della Facoltà di Scienze Politiche non ha voluto realizzare un “più due” prolungamento, o peggio ancora fotocopia del “tre”: “lo studente non deve diventare un contenitore di nozioni, ma deve acquisire conoscenze tali da garantirgli attività di ricerca autonome”. 
Integrazione economica europea (prof. Testi), Moduli integrati di geopolitica e geoeconomia (professori Mazzetti, D’Aponte e Leone), Diritto pubblico 2, Diritto pubblico comparato 2, Storia moderna 2, Storia economica 2 e, tra gli esami a scelta, Economia delle istituzioni (prof. Cristofaro), Economia internazionale 2 (prof.ssa Meloni), Economia del lavoro (prof. Musella), alcuni degli insegnamenti della Specialistica in Studi europei. Specialistica che contempla, al secondo anno, cinque percorsi diversi: giuridico-istituzionale, ambiente e territorio, economico-politico, storico-politico, internazionalistico.
Accanto a Studi europei, per i laureati in Scienze Politiche la Facoltà ha programmato anche la Specialistica in Relazioni internazionali. Entrambe partono con il primo anno in comune, per poi differenziare – definitivamente – i loro percorsi dal prossimo anno accademico. 
Quanto alla Specialistica in Scienze della pubblica amministrazione, tra le discipline del primo anno segnaliamo Scienze politica dell’amministrazione (prof. Feola), Economia e organizzazione aziendale (dott.ssa Catuogno), Statistica delle decisioni amministrative (dott.ssa Forcellati), Storia contemporanea (prof. Graziosi), Relazioni internazionali (prof. Pizzigallo). Una didattica “face to face” anche per gli studenti che seguiranno i corsi del secondo semestre della Specialistica in Statistica, tra cui Modelli demografici impartito dal prof. Strozza. 
Da qualche giorno la Facoltà di Scienze Politiche ha finalmente un nuovo sito web, completamente rinnovato nella grafica e nei contenuti. Con il Preside Feola promotore di un’iniziativa che ha riscosso un discreto successo di pubblico: un concorso riservato agli studenti per descrivere, in maniera simpatica ed allegra, la Facoltà di via Rodinò.
E le novità non sono finite. Entro maggio il Consiglio Universitario Nazionale si esprimerà sul progetto di riordino della didattica promosso dal Preside per cercare di accelerare i tempi di laurea degli iscritti di Scienze Politiche. Il piano prevede la riduzione a 16 degli esami del percorso triennale e a nove quelli della Specialistica. Il nuovo ordinamento andrà in vigore dal prossimo anno accademico, “anche se la nostra intenzione è di estenderlo a tutti gli studenti”. 
L’attivazione del nuovo percorso di studi darà via anche alla sigla di una convenzione tra la Facoltà e l’Ordine dei Giornalisti della Campania. A firma avvenuta, giornalisti pubblicisti e professionisti potranno iscriversi rispettivamente al secondo e al terzo anno del CdL in Scienze Politiche. Già siglato, invece, l’accordo con la Guardia di Finanza, che laureerà i finanzieri in Scienze Politiche dell’Amministrazione.
Vanno completandosi i lavori di ristrutturazione della Biblioteca del Polo delle Scienze Umane e Sociali di piazza Bellini, dove confluirà l’intero patrimonio librario delle cinque Facoltà che ad esso fanno capo. “La struttura fisica è pronta, mancano solo gli arredi – annuncia il preside Feola -. A piazza Bellini andranno i nostri libri rari, per garantire loro un migliore stato di conservazione, e i periodici, per risparmiare sul costo degli abbonamenti. Resteranno nella biblioteca di Facoltà i testi necessari per le tesi e le ricerche frontali”. 
Infine, nuovi arrivi in Facoltà. “In linea con la politica inaugurata dal Preside Tullio D’Aponte tesa allo svecchiamento della Facoltà, abbiamo reclutato molti giovani, che sin da subito avranno impegni didattici”, afferma Feola. Undici, infatti, i nuovi ricercatori della Facoltà: Sergio Beraldo, Massimo Chiola, Giovanni D’Alessio, Gabriella Duranti, Fabio Ferraro, Daniela La Foresta, Carmelo Petraglia, Silvia Polettini, Vincenzo Rapone, Elvira Sapienza e Armando Vittoria. Tra i professori, Giacinto Della Cananea è il nuovo ordinario di Diritto amministrativo, “formatosi alla scuola di Sabino Cassese a La Sapienza di Roma – riferisce il Preside -. Il professore curerà anche i rapporti con la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione per favorire canali d’accesso più organici ai nostri studenti”. 
- Advertisement -




Articoli Correlati