Nuoto al Cus

“Buona parte degli utenti sono studenti universitari ma ci sono molti soci Acasus e, inoltre, con la nostra politica di apertura al quartiere abbiamo permesso a tanti ragazzi delle scuole medie o superiori di poter accedere ai servizi del Cus. Quella fra le 15.30 e le 18.30 è una fascia oraria dedicata agli under 16”, spiega Ciro Buoncompagni, responsabile della piscina del Centro Sportivo Universitario di via Campegna.
“L’80% degli iscritti dello scorso anno è ritornato, questo a testimonianza del successo della nostra attività – sottolinea Buoncompagni- Inoltre, dopo la chiusura delle iscrizioni a metà ottobre, abbiamo continuato ad avere richieste di giovani che volevano partecipare ai corsi. Purtroppo non possiamo ammettere più di una trentina di persone per corso altrimenti si creerebbe un sovraffollamento delle piste, così molti sono rimasti fuori”. Quest’anno, purtroppo, la piscina rimane chiusa la domenica. “C’è bisogno di una continua manutenzione, dunque è sorta la necessità di avere un giorno di chiusura per consentire un mantenimento efficiente della struttura. Siamo però pronti, nel caso venisse deciso, a procedere all’apertura domenicale e svolgere le pulizie a piscina aperta”, specifica Buoncompagni. Lo scorso anno, infatti, l’impianto restava aperto anche di domenica dalle 10 alle 14 ed era molto frequentato “soprattutto da parte di persone che erano impegnate durante il resto della settimana”. Notevole successo riscuote nei periodi estivi la piscina scoperta.
“Ho chiesto  informazioni sui corsi di nuoto ma mi hanno riferito che le iscrizioni sono già chiuse– spiega Armando, studente di Giurisprudenza alla Parthenope – Penso che verrò per le singole lezioni di nuoto libero. Si paga solo 5 euro e mi sembra un prezzo conveniente. Io non ho molto tempo per l’attività fisica però in questo modo posso gestirmi la giornata come meglio credo. Inoltre conosco già questa piscina perché la frequentavo alcuni anni fa e mi sembra abbastanza grande. In più rispetto a tanti altri impianti sportivi privati qui l’ambiente, prevalentemente di universitari, è molto più selezionato e mi fa sentire a mio agio”. La vicinanza all’università o alla propria abitazione è un fattore determinante la scelta che vale per molti giovani iscritti al Cus: “io sono del Vomero ma sto svolgendo un dottorato in Scienze a Monte Sant’Angelo. Quindi per me è comodo restare in zona per il nuoto- racconta Bruno- Inoltre la possibilità di parcheggiare la macchina senza problemi è una grossa comodità”.  Diversi servizi e tariffe agevolate sono sicuramente un incentivo. Ma spiega Michele, dottorando in Scienze, “noi paghiamo una tariffa diversa dagli studenti, cosa che non accade in nessun’altra struttura universitaria nel resto d’Italia”. 
Valentina Orellana
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati