Orario dei corsi e diario degli esami

Prima riunione della Commissione Didattica dopo l’estate e ordine del giorno già ingolfato di questioni su cui, come sempre, l’ultima parola l’avrà il Consiglio di Facoltà. Il primo punto discusso nella seduta del 21 settembre corrisponde, pari pari, all’ultimo lasciato sul tavolo prima che l’attività accademica fosse sospesa per le vacanze: la definizione della voce ‘altre’- ossia abilità e conoscenze che lo studente può avere guadagnato grazie a corsi speciali, seminari- presente nel piano didattico del biennio specialistico.  Dato che a questa voce vengono attribuiti dei crediti  è giusto, dunque, che sia chiaro ed univoco il criterio adottato per decidere quali delle attività collaterali seguite dallo studente siano valide ai fini curriculari e, soprattutto, in che modo vanno provate queste ulteriori abilità. Al momento, va detto, la discussione è un po’ ad un punto morto; si è solo proposto, da parte di qualcuno, di puntare sulla ‘superiore conoscenza linguistica o informatica’ giustificata dallo studente con diplomi et similia o, in alternativa, sulla frequenza di particolari seminari formativi o lo svolgimento di attività di volontariato.
Successivamente si è passati ad affrontare un problema posto dai rappresentanti degli studenti che hanno così colto il primo importante risultato della loro gestione. Secondo la Presidente del Consiglio degli Studenti di Facoltà Alessia Giaccari, infatti, “nella compilazione dei calendari dei corsi della specialistica, strano ma vero, non si è tenuto conto che alcune lezioni si sovrappongono, rendendo impossibile allo studente seguirle tutte”. La Facoltà ha ben accolto le osservazioni degli studenti al punto che il Preside Scudiero ha fissato un incontro teso proprio alla ricompilazione del calendario delle lezioni.
E ora una notizia che, al momento in cui vi scriviamo, è più una indiscrezione che altro. La Facoltà si preparerebbe ad apportare sensibili cambiamenti nelle date degli appelli d’esame. Dall’anno accademico 2006-2007, infatti, è previsto che venga anticipata la sessione straordinaria (oggi è nel mese di ottobre e, a scelta del professore, nel mese di novembre o dicembre) per consentire a coloro che siano in debito ancora della sola tesi di laurea di laurearsi qualche giorno prima, così da potersi iscrivere subito ai corsi post-laurea che hanno una data fissa senza dover, per pochi giorni, perdere un anno di corso. Il nuovo assetto dovrebbe essere dunque il seguente: l’appello di ottobre (che oggi va dall’1 al 31) scatterebbe già il 15 settembre e durerebbe fino al 15 ottobre, mentre quello di novembre partirebbe immediatamente dopo e interesserebbe il periodo 15 ottobre-20 novembre. Diversa collocazione avrà, ovviamente, il secondo appello per quei docenti che decideranno di optare per dicembre invece che per novembre.
Un’ultima notazione, giusto per ricordare che gli studenti hanno sempre a cuore l’ormai antica questione della mancata corrispondenza di molti programmi d’esame ai crediti stabiliti nelle tabelle per gli insegnamenti di riferimento. Bene, il Preside ha promesso loro che formulerà un nuovo richiamo ai docenti che ancora non si siano allineati e tenterà di persuaderli affinché si mettano in regola.
Marco Merola 
- Advertisement -





Articoli Correlati