Studenti e impresa

 
Stimolare l’imprenditorialità è il principale obiettivo di “Studenti e Impresa”, progetto di simulazione di nuove idee imprenditoriali. L’iniziativa è promossa dagli studenti e finanziata dall’Ateneo. “Possono partecipare al progetto tutti gli studenti iscritti alla SUN –spiega Tommaso Moretta, rappresentante degli studenti della Facoltà di Economia – con la sola esclusione delle matricole dei corsi di laurea di primo livello che, logicamente, non hanno le basi di economia necessarie per l’attivazione di un simile progetto”. Dopo la raccolta e la selezione delle domande di partecipazione, si procederà con cinque giornate di orientamento, “studiate soprattutto per coloro che non provengono da studi economici, – aggiunge Moretta – ma anche per trasmettere ai ragazzi l’idea pratica di ‘business’, per far comprendere loro che i progetti che hanno in mente possono diventare realtà. Ci sarà, solo per fare un esempio, la proiezione di due film riguardanti la nascita di Microsoft”
Una volta acquisite le competenze di base, i partecipanti dovranno redigere il proprio business plan mediante l’utilizzo di uno specifico software fornito dall’organizzazione e col supporto di un tutor con competenze specialistiche in creazione d’impresa e business planning nominati dalla commissione esaminatrice. Al termine di questa fase, i partecipanti presenteranno il progetto finale alla commissione che stabilirà il vincitore attraverso una premiazione pubblica che si terrà presso la Facoltà di Economia. La fase finale prevede la promozione del business plan vincitore presso i principali canali utilizzati per ricevere un finanziamento necessario al reale avvio dell’iniziativa.
Al termine del percorso formativo, previsto per gennaio, sarà rilasciato a tutti gli studenti un attestato di partecipazione. Agevolazione in più per i laureandi in Economia: “per questa attività, riceveranno tre crediti formativi”  – spiega Moretta – Abbiamo deciso di non attribuire crediti agli studenti di altre facoltà perché non sarebbe stato giusto sostituire un esame del loro corso di studi, e quindi che non rientra pienamente negli ambiti di riferimento dell’economia, con questa attività formativa”.
- Advertisement -




Articoli Correlati