Torneo di calcio a 6 interfacoltà

 
Un torneo di calcio a 6 interfacoltà ed interateneo (Federico II e Seconda Università) per bissare e, se possibile, superare il successo dell’edizione dello scorso anno accademico. Ad organizzarlo, due studenti delle Professioni Sanitarie, Fabio Rutigliani, iscritto al secondo anno di Igiene dentale alla Sun, e Nicola Amoruso, anche lui secondo anno ma di Scienze infermieristiche al Federico II. Manifestazione che si è contraddistinta per “la lealtà dei giocatori e per il clima di serenità in cui si è giocato. Ci siamo divertiti tutti. La speranza è crescere in numero di adesioni e fare in modo che il torneo diventi un appuntamento fisso per gli studenti”, le parole degli organizzatori.
Sette le facoltà – prevalentemente scientifiche – scese in campo nella prima edizione, con il “Real Cremastere”, gruppo composto da studenti del secondo anno di Medicina del Federico II, che si è aggiudicato il torneo. Dodici i giocatori che devono comporre ciascuna squadra, di cui sei in campo. “Il  nostro è un evento squisitamente universitario, motivo per cui iscriviamo solo membri, a qualsiasi titolo, degli atenei, controllati con carta d’identità alla mano e numero di matricola per la provenienza delle facoltà”, afferma Rutigliani.
Le partite – due tempi da sessanta minuti – si disputeranno sui campi in terra del Kennedy ai Camaldoli un giorno a settimana, da decidere se il martedì o il giovedì. Tre le partite in programma per ogni appuntamento a partire dalle 19.30 sino alle 22.30 (gli orari sono da confermare). A seconda dei partecipanti, ci sarà uno o più gironi all’italiana, con semifinali e finali. Il torneo dovrebbe partire a fine marzo per concludersi l’ultima settimana di giugno. “Abbiamo scelto questo periodo – dicono i ragazzi – per via degli appelli d’esame”. Puntuali come nella prima edizione, gli organizzatori assicurano di inviare ad ogni calciatore, due giorni dopo la partita giocata, un prospetto con risultati, tabellini, marcatori e statistiche, “un servizio che ai ragazzi è piaciuto davvero tanto”.
Coppe e medaglie; una targa all’arbitro (rigorosamente federale); riconoscimenti al miglior portiere e al capocannoniere; buffet e foto: i premi del campionato passato. “Per questa edizione – riferiscono gli organizzatori – oltre ai classici trofei, stiamo valutando di aggiungere un premio particolare”. Sale così ad 80 euro la quota d’iscrizione (più una cauzione di 30 euro che sarà restituita a fine torneo) rispetto ai 50 dell’anno passato.
Confermate le squadre della scorsa edizione, nuovi gruppi pare abbiano già dato la loro adesione. Tra questi, una formazione di docenti del Federico II ed una composta dai vigilantes del Secondo Policlinico. Il 4 marzo il termine per presentare le liste dei giocatori. Per ulteriori informazioni, ci si può rivolgere al referente Sun Fabio Rutigliani al 328.8282350, o a quello del Federico II Nicola Amoruso al 340.6025317.
- Advertisement -




Articoli Correlati