Un Laboratorio per la preparazione ai pubblici concorsi

La Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola continua a muoversi nel segno dell’innovazione e con l’anno accademico 2006/07 dà vita ad un corso di formazione post-lauream unico in Italia. Si tratta  di un Master di II livello in Diritto amministrativo dalle caratteristiche del tutto peculiari, che si rivelano fin dalla sua denominazione: Laboratorio per i concorsi pubblici. “Si chiama Laboratorio perché vi si svolge un lavoro molto diretto, incentrato sulla elaborazione e la successiva correzione di prove scritte e su una preparazione teorica finalizzata al raggiungimento di uno specifico obiettivo”, spiega il Preside della Facoltà, prof. Franco Fichera. E’ per questo motivo che “non si mira a fornire corsi di insegnamento completi sulle materie trattate, ma si affrontano solo i temi di maggiore attualità, quelli che potrebbero essere oggetto di prova concorsuale”. L’idea in sé non è proprio originale, lezioni per la specifica preparazione di concorsi pubblici vengono tenute ovunque da sempre. E’ però la prima volta che un’università si assume un compito del genere. “Il nostro Master è il frutto di un’idea di Sabino Cassese – spiega il prof. Fichera- mentre la direzione scientifica è affidata ad Aldo Sandulli. Sarà un percorso intenso e mirato perché, come ho detto più volte, ai laureati non servono lunghe appendici del corso di laurea, ma uno sprint nell’immediato post-laurea che serva a lanciarli nel mondo del lavoro e delle professioni”. Difatti, le lezioni inizieranno il 19 gennaio e si concluderanno il 14 luglio. Puntare l’obiettivo sulla generica voce “concorsi” è sembrato troppo vago, così nel mirino della prima edizione del Master ci sono due concorsi precisi, entrambi di alto livello: quello per l’ammissione al corso-concorso di formazione dirigenziale presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, per il quale migliaia di giovani in tutta Italia si stanno preparando già da alcuni mesi, e quello per l’ammissione al corso-concorso selettivo di formazione per i segretari comunali e provinciali, che verrà bandito prossimamente. 
Le discipline da studiare sono: Diritto amministrativo, Diritto degli enti locali, Diritto costituzionale; Diritto privato; Contabilità pubblica; Diritto del lavoro pubblico e privato; Diritto pubblico dell’economia; Diritto europeo; Economia politica; Politica economica; Management pubblico. Solo 33 allievi verranno ammessi al Laboratorio in seguito ad una selezione basata sul curriculum e su un colloquio motivazionale che si terrà il 12 dicembre e durante il quale saranno testate anche le conoscenze di Diritto amministrativo dei candidati. “L’esiguo numero di posti disponibili si spiega facilmente se si considera il tipo di attività formativa che intendiamo svolgere – dice il Preside- è evidente che con classi più numerose non si può portare avanti il lavoro diretto, fatto anche di correzioni di compiti scritti, di cui parlavo prima”. Il termine ultimo per presentare la domanda di partecipazione, disponibile sul sito web dell’Università Suor Orsola, è il 5 dicembre. Possono partecipare, oltre ai laureati in Giurisprudenza (vecchio ordinamento e laurea specialistica), anche i dottori in Economia e Scienze politiche. “Molti concorsi sono aperti a tutte e tre queste classi di laurea”. Da segnalare la presenza tra i docenti di alcuni ex commissari e vincitori di concorsi ed esperti del settore. Questo perché oltre a sei moduli di insegnamento sostanziale dedicati a singole materie, ce ne sono tre di analisi metodologica, aventi ad oggetto le tecniche per affrontare le prove di un pubblico concorso. La quota di iscrizione al master è di 4.000 euro, da versare in due rate. Sono previste una borsa di studio a copertura totale per l’allievo più meritevole e la possibilità per tutti gli altri di accedere al prestito d’onore sulla base di una convenzione stipulata tra l’Università Suor Orsola e la Banca Monte Paschi di Siena.
Sara Pepe
- Advertisement -




Articoli Correlati