Maria, studio e tirocinio in Inghilterra

Per una studentessa di Lettere Moderne un tirocinio è un’opportunità importante, e sempre più gettonata, ma svolgerlo presso un’Università straniera rappresenta forse un’eccezione. È il caso di Maria Bruno che è in Erasmus presso l’Università di Reading in Inghilterra e, contemporaneamente, ha iniziato un tirocinio: “per capire meglio il lavoro  accademico e ampliare il mio curriculum. Me ne veniva data l’opportunità e semplicemente l’ho colta, dato che non mi dispiaceva affatto prolungare il mio soggiorno a Reading, dove continuo a vivere pur viaggiando periodicamente per dare gli esami a Napoli”, racconta.
Il tirocinio non è obbligatorio neanche per gli studenti inglesi, molti però affiancano questa attività agli impegni universitari, così a Maria è sembrato naturale seguirne l’esempio: “Al campus c’è un Career  Center in cui aiutano gli studenti a fare esperienze lavorative, soprattutto presso aziende. Qui, infatti, c’è un’importante scuola di economia. Inoltre, ho conosciuto studenti Erasmus che svolgevano tirocini presso l’Università svolgendo conversazioni in italiano e lezioni per coloro che studiano la nostra lingua o per gli studenti di Lettere. Quindi non sono l’unica!”. Ma in cosa consiste esattamente il tirocinio di Maria? La studentessa spiega: “ho deciso di…
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola da giovedì 27 ottobre (n. 17/2016)
o in versione digitale all'indirizzo: https://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 
- Advertisement -




Articoli Correlati