Attività di laboratorio troppo limitate, la lamentela

Propedeuticità, appelli d’esame, laboratori. Ecco come gli studenti di Biologia che frequentano le aule di Monte Sant’Angelo valutano la propria preparazione e il proprio Corso di Studi in una serie di interviste a microfoni aperti. Antonella Mugiare, iscritta al Corso di Laurea Magistrale in Biologia della riproduzione e del differenziamento cellulare, ora che ha superato alcuni scogli pone delle domande sul percorso che ha affrontato: “sono soffisfatta del Corso, dei professori e dell’organizzazione, ma in questi anni alcune propedeuticità non mi sono state chiare. Posso capire che la Chimica Inorganica sia necessaria per la Chimica Organica, ma per Fisica, che blocca tutto il terzo anno, è inutile, non ne vedo il nesso”. Roberta Cozzolino e Mena Romano sono due studentesse del secondo anno della Laurea Magistrale in Biologia delle Produzioni Marine, tutta in inglese e in collaborazione con la Stazione Zoologica Anton Dohrn: “il nostro è un Corso interessantissimo. Siamo in pochi, collaboriamo molto fra di noi, i professori ci seguono tantissimo ed è bellissimo lavorare con l’Acquario, dove operano persone di un certo livello. Senti di stare in un contesto in cui ci tengono alla tua realizzazione. L’unico difetto della classe in formato ‘liceo’ è che ci considerano alla stregua di studenti medi per alcuni aspetti organizzativi. Ci considerano un blocco unico, però non sempre un appello d’esame fissato lo stesso giorno per tutti è davvero comodo, ciascuno ha una propria organizzazione e nessuno di noi si dedica, come a scuola, ad un’unica attività”. Simona Barricella è una matricola: “fino ad ora mi sono trovata benissimo, le lezioni sono interessanti, i professori sono molto preparati e disponibili, i programmi sono sostenibili, anche quello di Chimica che non finisce mai, tanto che a gennaio seguiremo ancora delle lezioni per completare tutti gli argomenti. È un po’ più pesante così, ma è anche un…
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 26 gennaio (n.1/2017)
o in versione digitale all'indirizzo: https://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati