Una due giorni in Calabria a contatto con gli allevatori per un gruppo di studenti di Veterinaria

A Veterinaria gli studenti del quinto anno – è ormai una tradizione –  partecipano in autunno ad una due giorni in Calabria, nel corso della quale hanno l’opportunità di visitare allevamenti di suini, ovini e mucche e possono discutere con chi gestisce quelle realtà e con i veterinari delle questioni relative al benessere animale, alla zootecnia, alla redditività degli allevamenti. Qualche settimana fa quindici ragazze e ragazzi, nell’ambito di questo progetto ormai consolidato, sono andati in provincia di Crotone, insieme ai professori Luigi Zicarelli, Gaetano Oliva, Ugo Pagnini, Giuseppe Iovane. “Siamo partiti giovedì 21 settembre – racconta Valerio Salanti, che ha 22 anni e vive a Maddaloni, in provincia di Caserta – per raggiungere Crotone. Ci siamo fermati in una zona di pascolo di mucche podoliche dove abbiamo parlato con allevatori, tra i quali il Presidente dell’Associazione Allevatori della Regione Calabria. Un bellissimo allevamento di podoliche. Si tratta di una vacca che non produce tanto latte, ma di ottima qualità e che sfrutta pascoli e zone dove altre mucche, per esempio la Frisona, non riuscirebbero a stare. Siamo stati fortunati perché in questo periodo dell’anno la zona dove ci siamo fermati è utilizzata dagli allevatori per il pascolo libero. Una bellissima scena. Il secondo giorno siamo stati in un allevamento caprino al mattino ed il pomeriggio in un allevamento suino. Un veterinario è stato con noi ed ha illustrato le tecniche per gestire un allevamento che ospita 150 suini, ci ha dato anche importanti riferimenti normativi. Abbiamo svolto anche un po’ di attività pratica, sotto la guida dei veterinari che ci accompagnavano”.  Sottolinea lo studente: “Al netto degli aspetti didattici, certamente importanti, è stata anche una bella occasione di incontrare i professori al di là del contesto universitario, di scoprire una umanità che a volte, nella routine accademica, si sottovaluta”. Lancia una proposta: “Sarebbe bello se Veterinaria riuscisse a farsi carico di organizzare visite negli allevamenti, naturalmente in quelli che rappresentano un modello sotto il profilo della corretta gestione degli animali, anche con i ragazzi delle scuole e con i bambini. Potrebbe essere un modo per divulgare concetti e principi relativi…
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 6 ottobre (n. 15/2017)
o in versione digitale all'indirizzo: https://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati