Via Toledo narrata dagli studenti

Parte un percorso di formazione gratuito per 30 giovani iscritti (o laureati) a Corsi di area umanistica

Un’opportunità unica a quanti siano interessati a intraprendere una carriera nel mondo della divulgazione scientifica e culturale. La offre il Dipartimento di Lettere e Beni culturali della Vanvitelli. Il suo nome è “Napoli Digital Tales”, un corso di formazione in collaborazione con l’associazione Renovatio di Genova e la Società Napoletana di Storia Patria che consentirà a 30 giovani under 35 nel settore delle humanities di avviarsi alla professione di divulgatore. L’associazione genovese, un gruppo di imprenditori appassionati al mondo dell’arte ed esperti nella valorizzazione dei beni culturali, ha vinto il bando della Regione Campania per la concessione di contributi finalizzati alla promozione della qualità dell’architettura e ha proposto l’iniziativa in accordo con l’Ateneo. Gli interessati hanno potuto inviare le candidature fino allo scorso 13 febbraio, dopodiché è iniziata la selezione, che avrà termine entro fine mese.

I 30 posti saranno così ripartiti: 10 per studenti Triennali e Magistrali e 10 per laureandi e laureati del Dipartimento, 10 per studenti e laureati nei settori di Lettere, Scienze storiche e Beni culturali di qualsiasi altro Ateneo. I candidati saranno selezionati sulla base del curriculum vitae e di una lettera di presentazione. “Non sappiamo se raggiungeremo i trenta posti – fa sapere la prof.ssa Nadia Barrella, docente di Museologia e delegata di Ateneo al Job Placement – quello a cui auspichiamo è tuttavia un approccio interdisciplinare al corso. Prenderemo in considerazione anche le domande di candidati provenienti da settori disciplinari come Economia e Architettura”.

Il corso si svolgerà nell’arco di tre settimane, durante le quali i partecipanti seguiranno lezioni, conferenze e workshop, da remoto e in presenza, e parteciperanno a dei sopralluoghi fisici dedicati alla conoscenza e alle modalità di storytelling del patrimonio architettonico e culturale della città partenopea. “Oggetto della nostra indagine sarà in particolare via Toledo, una delle strade più significative di Napoli sia dal punto di vista storico che architettonico e artistico-culturale”, ha affermato la prof.ssa Barrella. Nel corso dei sopralluoghi “racconteremo ai partecipanti la storia del posto e alla fine chiederemo loro di realizzare un lavoro di storytelling nel quale, appunto, narreranno ciò che li avrà colpiti. Saranno lasciati liberi di esplorare la strada, scattare foto e parlare con le persone. In sostanza, sarà loro richiesto di intingersi nelle acque di questo meraviglioso bacino di storia, arte e cultura”.

I requisiti che si terranno in considerazione sono piuttosto serrati; saranno infatti privilegiati coloro che “hanno una media alta e che sono in corso”. Ma ad essere premiata sarà specialmente la motivazione, ed è per questo che “sarà dato maggiore rilievo alla lettera di presentazione”. Si tratta di un percorso di formazione gratuito “finalizzato a dispensare abilità concrete e professionalizzanti – afferma la prof.ssa Barrella – Crediamo sia giusto favorire chi è maggiormente motivato”. L’attività, che rientra nell’ampia gamma di progetti previsti per il placement in uscita, rilascerà ai partecipanti un attestato “e, chissà, potrebbe esserci la possibilità di essere impiegati da qualche azienda, magari la stessa Renovatio. Ci auguriamo che questo corso sia solo il primo di una lunga serie. Abbiamo infatti intenzione di continuare la collaborazione con l’associazione genovese e instaurare un buon rapporto di scambio e condivisione di cultura e conoscenze, date anche le similitudini tra le due città”.
Nicola Di Nardo 

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati