Advanced Technologies, a Biotecnologie Mediche un nuovo curriculum per anglofoni

Si chiama Advanced Technologies il curriculum che dal prossimo anno accademico entrerà ufficialmente nell’offerta didattica della Magistrale in Biotecnologie Mediche. Dopo l’esperimento del doppio canale, uno in italiano e uno in inglese, la didattica in lingua straniera indossa una veste su misura, con quattro esami caratterizzanti tutti suoi e concentrati al secondo anno. Il primo, invece, sarà in comune con il curriculum medico, che resta in italiano, ma si indirizza maggiormente verso l’oncologia con una modifica: Ematologia da obbligatorio diventa a scelta. Percorso inverso per Oncologia Medica. Approvato dal CUN (Consiglio Universitario Nazionale) e dal Ministero come Corso in inglese, il curriculum per anglofoni, a differenza del precedente canale in lingua inglese, potrà imprimere il proprio nome anche sulle pergamene di laurea. Il prof. Lucio Pastore, Coordinatore del Corso di Laurea, spiega le specificità dei due percorsi: “il curriculum medico, in italiano, con i cambiamenti attuati è molto più incentrato sull’oncologia, mentre l’Advance Technologies si incentra su tutte le tecnologie avanzate per la ricerca, come può essere la microscopia per l’identificazione dei farmaci”. Chi sceglie un curriculum, ma flirta con un esame dell’altro percorso, dovrebbe avere l’opportunità di costruire il proprio cammino ad hoc. L’idea: gli esami caratterizzanti di un curriculum diventano a scelta nell’altro, con lezioni ed esami affrontati nella lingua prevista dal proprio percorso. Requisiti di accesso: “gli stessi del curriculum in italiano. La Laurea Triennale in Biotecnologie per la salute o in Corsi affini, come Biologia. In ogni caso, c’è una Commissione che valuta gli studenti in ingresso”. Chi dovrebbe scegliere questo curriculum: “gli studenti interessati alla ricerca industriale o a un dottorato all’estero. Per chi punta alla diagnostica, probabilmente il curriculum medico resta ancora la scelta migliore”. Sogno per il futuro: “un ulteriore curriculum bioinformatico, con competenze anche da Ingegneria, vedremo”.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati