Appello di Farmacologia I e II, problema risolto

Si è concluso positivamente per gli studenti il tira e molla per conservare il quarto appello di Farmacologia e Tossicologia Medica I e II. Salvo nuovi dietrofont o cambiamenti in itinere, il 7 marzo si terrà regolarmente lo scritto che sarà seguito, sette giorni più tardi, dall’orale. Questo l’epilogo di una vicenda iniziata qualche settimana fa, quando i professori Lucio Annunziato e Gianfranco Maria Luigi Di Renzo hanno comunicato la decisione di sospendere il quarto appello, quello del 7 marzo, appunto. Pronta la risposta dei rappresentanti degli studenti. La reazione di AsMed, l’associazione che riunisce i rappresentanti di Medicina, ha avuto un nome preciso: mailbombing, un “bombardamento” tramite posta elettronica al quale sono stati chiamati tutti gli studenti. Destinatari delle mail i due docenti titolari del corso che si tiene al quarto anno, il professor Sabino de Placido, Coordinatore del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, e il Rettore Gaetano Manfredi. A disposizione di chi ha preso parte alla causa è stato fornito un testo, scritto in prima persona, da sottoporre al classico copia e incolla e che riportava in poche righe il motivo del disappunto. Iscritti a vari anni hanno fatto squadra, come sottolineato da uno dei rappresentanti, Rosario Ferrigno: “abbiamo invitato chiunque a mostrare il proprio disappunto, mettendo a disposizione la lettera di protesta. Bastava copiarla, incollarla e inviarla agli indirizzi indicati”. Tra i quali, come anticipato, quello del Rettore: “abbiamo voluto fargli presente la situazione così da poter arrivare alla conclusione più giusta”. Sul metodo adottato, più deciso del solito, sottolinea: “è una scelta che non ci ha fatto felici, perché noi ci vogliamo sempre interfacciare con tutti in maniera diplomatica ed efficace”. Massiccia la risposta dei ragazzi: “abbiamo avuto un feedback di centinaia di studenti di vari anni, non solo del quarto, perché, a prescindere dal se si deve sostenere o meno l’esame in questione, non si può accettare che le regole vengano sovvertite in tal modo. Ci vuole compattezza, perché è importante non creare il precedente”. Una compattezza che è andata oltre le vie telematiche. L’invio di mail non ha sortito l’effetto sperato. Motivo per il quale un gruppo corposo di studenti ha raggiunto, il 3 marzo, i docenti: “entrambi hanno cambiato idea quando si sono ritrovati cinquanta persone fuori al proprio studio. Abbiamo organizzato una protesta, sulla base della quale i docenti hanno cambiato opinione. Hanno concesso lo scritto il 7 e l’orale la settimana successiva. Ringrazio il professor De Placido che ci ha fornito il suo supporto”. A suo avviso, c’è anche un’altra nota positiva: “di tutta questa storia resta la soddisfazione nell’aver visto la partecipazione degli studenti a una manifestazione pubblica di protesta. I ragazzi hanno dimostrato di essere attivi quando qualcosa lede i nostri diritti”. Il rovescio della medaglia: “resta un po’ di amaro in bocca perché non saremmo voluti arrivare a tutto questo. Sarebbe bastato rispettare le regole”. Sulla vicenda si è soffermato anche un altro rappresentante, Andrea Uriel de Siena: “è assurdo mettere in discussione un appello fissato a inizio Anno Accademico. Il risultato ottenuto da noi studenti ci lascia soddisfatti, perché è sempre bello vedere rispettati i diritti”. Un’esperienza che ha messo alla prova la capacità di coesione di chi quotidianamente frequenta le aule del Policlinico: “è stata dimostrata una perfetta cooperazione tra i rappresentanti e il corpo studentesco. La diplomazia spesso funziona, ma a volte serve la partecipazione, anche fisica, di tutti per raggiungere dei traguardi. Ringrazio chi ci ha sostenuto”. 
La vittoria si aggiunge a un altro importante risultato relativo alle lezioni di Ginecologia e a quelle di Emergenze medico-chirurgiche, tenute al sesto anno rispettivamente dalla professoressa Mariavittoria Locci e dal professor Francesco Milone. Per ognuna di queste discipline era prevista una suddivisione degli iscritti in due canali distinti. Gli studenti hanno chiesto e ottenuto che, per entrambe le materie, si passasse a un unico gruppo. Sui motivi della richiesta, ancora Rosario Ferrigno: “abbiamo voluto una didattica unica e omogenea, così da evitare di seguire l’intero corso con un docente per poi ritrovarci magari a sostenere l’esame col prof. dell’altro canale. Inoltre, seguire tutti nella stessa aula ci permette di condividere le informazioni più facilmente”. Il 2 marzo l’esordio del canale unico: “in aula eravamo una sessantina di frequentanti, non pochi se si considera che sono ancora in corso gli esami. Le lezioni andranno avanti così fino a maggio, nell’aula grande dell’edificio 9”.
- Advertisement -




Articoli Correlati