Ingegneria rivede l’offerta formativa e amplia la sede

Ammodernamento dell’offerta formativa per gli studenti di Ingegneria della SUN. A partire dal prossimo anno accademico anche la Facoltà aversana adeguerà i piani di studio alla legge 270 (approvata a livello nazionale). Le novità, come ci spiega la prof.ssa Adriana Brancaccio, delegata all’orientamento – partono già dalla nomenclatura dei Corsi di Laurea: tre le Lauree Triennali che ricoprono le macroaree dell’Ingegneria (dell’Informazione, Civile e Industriale), specificamente, Ingegneria Elettronica-Informatica, Ingegneria Civile-Ambientale e Ingegneria Aerospaziale – Aeromeccanica. Per chi voglia proseguire con il biennio Magistrale, sei le opportunità: Elettronica, Informatica, Civile, Ambiente e Territorio, Aerospaziale e Meccanica, Ingegneria e Architettura (Interfacoltà). 
Nel rispetto della legge 270 si è provveduto ad una riduzione del numero degli esami: 20 alla Triennale (“a parità di crediti e monte ore per velocizzare il percorso di studi”, sottolinea Brancaccio) e 11 o 12 (a seconda del percorso scelto) per la Magistrale. La tesi di laurea alla Triennale avrà un minor monte crediti rispetto all’attuale e si trasformerà in elaborato finale, mentre avrà un peso maggiore alla Magistrale.
Tutti gli immatricolandi dovranno sostenere un test di autovalutazione in ingresso – che si terrà il 2 settembre. I ragazzi dovranno misurarsi con domande di Logica, Matematica, Scienze, Fisica e Comprensione del Testo. Per coloro che otterranno risultati poco brillanti la Facoltà prevede corsi di sostegno in Matematica e Fisica che rientrano nel progetto elaborato dal Preside Michele di Natale “Mat per Ing” in collaborazione con le scuole medie superiori ed i docenti di Matematica. “Per recuperare i debiti formativi utilizziamo un approccio didattico nuovo”, ci spiega Di Natale; “i corsi di recupero consistono nell’elaborazione di dieci temi che abbiano come ‘traccia’ riflessioni sulla matematica (la sua ‘storicizzazione’); compito dei docenti, poi, è quello di presentare lo strumento matematico partendo dall’utilizzo che se ne può fare; gli studenti debbono comprendere che gli strumenti matematici possono essere utilizzati in tutti i campi, anche i più lontani dall’Ingegneria, e sapere che la vita è costituita da una serie di problemi che vanno risolti; bisogna spingerli a riflettere sui risultati”, allenamento che ormai stanno perdendo a causa dell’invadenza sempre più forte delle nuove tecnologie. 
GLI STUDENTI SONO SEGUITI DALL’INGRESSO AL POST-LAUREA. Diversi sono i servizi offerti dalla Facoltà ai suoi studenti che sono accompagnati dalla ‘porta d’ingresso’ a quella ‘d’uscita’ della loro formazione universitaria. Oltre ai già citati corsi di recupero delle materie di base per gli immatricolandi con debiti formativi, infatti, la Facoltà prevede un servizio di tutoraggio e recupero per gli studenti fuori corso.
Per coloro che vogliano approfondire la conoscenza delle lingue straniere è possibile svolgere periodi di ricerca all’estero, grazie all’adesione della Facoltà al progetto Erasmus, la cui partecipazione da parte degli studenti è numerosa. 
Grande attenzione viene prestata anche all’esperienza ‘sul campo’ realizzabile attraverso tirocini e stage che gli studenti possono svolgere sulla base di convenzioni stipulate dalla Facoltà con datori di lavoro pubblici e privati. Per quanto riguarda, invece, l’orientamento in uscita, la Facoltà dispone dello sportello “Uniti/Ingegneria”, un portale contenente una banca dati di laureati e laureandi alla quale le aziende accedono per selezionare il profilo professionale che maggiormente si confà alla propria offerta di lavoro o di stage.
Il sito Internet (www.ingegn eria.unina2.it) è aggiornato e contiene tutte le informazioni relative alla Facoltà e alla didattica.
Barbara Leone
- Advertisement -





Articoli Correlati