Pubblico ed Economia a Scienze Politiche

Lezioni a pieno ritmo a Scienze Politiche. “Sin dalla prima lezione ho notato interesse fra gli studenti – afferma la prof.ssa Giuliana Stella, docente di Diritto Pubblico – Quello della disattenzione, purtroppo, è un dato che solitamente si registra tra gli studenti del primo anno. Il Diritto è già di per sé una materia difficile, soprattutto per chi non l’ha mai affrontata in precedenza. Nella nostra Facoltà, che non è prettamente giuridica, bisogna a maggior ragione mettere gli studenti in condizioni di familiarizzare nel modo più corretto con una disciplina che potrebbe creare delle difficoltà”. La docente insiste sull’importanza della presenza costante ai corsi “per poter fare un cammino graduale fino all’esame”. Un altro suggerimento: leggere i quotidiani.
“Ho cercato dal primo momento di spiegare quanto sia indispensabile impegnarsi seriamente, non certo per il voto dell’esame, ma per trovarsi bene nella vita. Questa è una Facoltà che può aprire tante diverse strade, ma è anche molto difficile riuscire a trovare una sistemazione in futuro, dato che sono in tanti ogni anno ad immatricolarsi”, dice il prof. Michele Mosca, docente di Economia Politica (Corso di Laurea in Scienze Politiche dell’Amministrazione). Una sorta di responsabilizzazione da parte del prof. Mosca, che serve come punto di partenza a fare sempre meglio, senza accontentarsi della mediocrità. Per questo motivo, sono previste alcune prove in itinere: una all’inizio, per testare il livello di partenza, e un’altra più o meno intorno a metà anno, in modo da capire se il metodo di studio e la concentrazione sono quelli giusti. “Naturalmente le prove non hanno validità ai fini del voto d’esame – precisa – ma servono per lavorare meglio insieme; avendo a che fare con circa 150 persone, è impossibile seguirle una per una. Credo sia per questo che gli studenti stessi hanno accolto bene questa iniziativa, come pure l’iscrizione on-line al corso. E’ stata attivata una mailing list che permetterà di comunicare con tutti, per cercare di risolvere i problemi legati alla disciplina man mano che si presenteranno”.
Anna Maria Possidente
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati