“Il Ministero ha chiesto di censire i congelati SISS”

Sembra aprirsi uno spiraglio rispetto alla situazione di stallo in cui si trovano attualmente i congelati SISS. “Il Ministero con una nota – informa il prof. Arturo De Vivo, Preside della Facoltà di Lettere e Direttore della SICSI (Scuola interuniversitaria campana di specializzazione all’insegnamento) Federico II – ha chiesto alle Università di censire i propri congelati SISS aventi diritto a rientrare nelle nuove procedure di reclutamento. Sui tempi di apertura di queste nuove modalità di abilitazione, che dovrebbero consistere in un Tirocinio Formativo Abilitante, non ci sono certezze, anche se i rappresentanti del Ministero hanno sempre parlato di febbraio 2010. Purtroppo noi non siamo in grado di far niente sui tempi, ma quest’ultima nota sembra far intuire che il Ministero ha ben presente il problema, visto che è stato segnalato più volte e da più parti, e che qualcosa si sta muovendo”.
De Vivo chiarisce anche il significato del comunicato della Scuola di Specializzazione del Suor Orsola, che fa riferimento “alla predisposizione di un percorso di recupero didattico rivolto agli specializzandi (A036-A031-A032-400 ore) che per varie ragioni (di studio, di salute, di lavoro o familiari) non hanno ancora potuto completare il percorso formativo” – come si legge sul sito dell’Ateneo. “Questo provvedimento – precisa De Vivo – non riguarda i congelati, ma solo gli iscritti al secondo anno 2008/09, cioè quelli che hanno frequentato l’ultimo anno di SICSI e a cui mancano solo alcune ore per poter accedere agli appelli di febbraio/marzo e completare il loro percorso. Il Suor Orsola non avrebbe mai potuto autonomamente far rientrare i congelati in questo tipo di recupero”.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati