A Biologia si insiste sull’importanza di frequentare le lezioni

“L’introduzione del mese di marzo come finestra d’esami è stata accolta con favore dai ragazzi. La sessione è stata sfruttata pienamente, gli studenti hanno potuto gestire con calma gli esami in debito per rimettersi in carreggiata”, commenta la prof.ssa Barbara Majello, Coordinatrice del Corso di Laurea in Biologia. Dall’altra parte della cattedra, però, i toni non sono stati proprio entusiastici: “Come Coordinatrice ho accolto le ‘lamentele’ di colleghi, che hanno notato l’assenza a lezione dei ragazzi impegnati a sostenere le prove. Gli esami sono di certo importanti, ma seguire i corsi è un’opportunità che non andrebbe sottovalutata. Stiamo pensando a strategie da mettere in atto per conservare l’appello del mese di marzo e, al contempo, incoraggiare gli studenti a non disertare i corsi”. 
Continua in questo semestre l’opera di tutoraggio attiva sia nelle sedi del Centro Storico, sia nelle sedi appena ristrutturate di Monte Sant’Angelo. “Da aprile a maggio abbiamo una serie di incontri in calendario, per gli studenti che necessitano del supporto dei tutor. Non mi riferisco solo a brevi spiegazioni. Il tutoraggio è utile per apprendere un metodo di studio, nella preparazione degli esami, fosse anche solo per capire come organizzare al meglio il proprio lavoro”. Un fiore all’occhiello di cui la docente è molto orgogliosa. “Il servizio è frequentato da studenti di ogni anno e va molto bene. Incoraggio tutti i ragazzi a sfruttare quest’aiuto. Parliamo di un aiuto individuale, che permette di affrontare gli ostacoli con un tutor pronto ad indirizzare nelle scelte”. 
In queste ultime settimane si sta procedendo alla valutazione on-line della didattica. “Gli studenti che svolgono il part-time stanno passando nelle aule per ricordare che ci sono dei questionari di gradimento, da compilare in rete. È una valutazione che va fatta perché ci permette di capire dove stiamo andando”. Si accompagna al testo on-line: “un questionario cartaceo indirizzato anche alle matricole, in cui poniamo domande sul semestre appena trascorso. Chiediamo dell’organizzazione, dello studio, dei corsi, valutiamo l’andamento generale del primo semestre. A quest’operazione teniamo molto, crediamo che l’impressione degli studenti sia da tenere in considerazione per migliorarci”. Soprattutto per constatare come va il primo anno da matricola, la fase di passaggio dalla scuola è alquanto delicata: “Sono in contatto con tutti i docenti, mi informo spessissimo di come vanno le cose. Ci sono colleghi che seguono da vicino le questioni rilevanti e che adottano strategie per migliorare la partecipazione di tutti”. D’altro canto, prosegue, “dovremmo incentivare maggiormente la frequenza ai corsi. Siamo un Corso dai grandi numeri, ma la frequenza in aula è altalenante. L’obiettivo che dobbiamo perseguire è quello di far capire l’importanza di essere presenti fisicamente a lezione”. Nell’immediato futuro: “vi saranno fra maggio e giugno una serie di incontri (da definire) in cui gli studenti dialogheranno con il mondo delle professioni. Un appuntamento consueto, gradito dai futuri biologi che da sempre partecipano in massa agli eventi”. 
Susy Lubrano
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati