A Statistica un laboratorio per mettere pace tra numeri e giornalismo

Quello tra la statistica, i numeri ed il giornalismo non sempre è un rapporto facile. Accade di leggere articoli nei quali, in buona o in cattiva fede, i dati sono presentati in maniera disinvolta o poco corretta o completamente arbitraria. Un esempio recente: in una trasmissione televisiva si è affermato che la percentuale di ospiti della comunità per il recupero di tossicodipendenti di San Patrignano i quali hanno fatto uso della marijuana nella propria vita confermerebbe il nesso tra l’utilizzo delle droghe cosiddette leggere ed il passaggio  all’eroina. Affermazione completamente campata per aria – al di là delle valutazioni nel merito circa la dannosità delle droghe considerate leggere – perché non tiene conto del dato relativo alla popolazione che, pur avendo fumato spinelli, non è mai passata ad altri tipi di sostanze stupefacenti. Il Corso di Laurea in Statistica prova, ora, a mettere pace tra numeri e giornalismo o, almeno, a creare i presupposti di una convivenza un po’ meno burrascosa di quella che sia ora tra la statistica e gli aspiranti giornalisti. “Nel secondo semestre – annuncia il prof. Giancarlo Ragozini, che recentemente è stato confermato per il secondo mandato alla Presidenza del Corso di Studi – è in programma un Laboratorio aperto a una trentina di studenti di tutte le Magistrali del Dipartimento e che sarà condotto dal giornalista Giovanni Rinaldi e da me. Gli studenti parteciperanno alla produzione di articoli o video a partire da dati ed informazioni statistiche”. La circostanza che l’iniziativa si rivolga ai ragazzi di tutte le Magistrali: “è significativa, perché il laboratorio punta a rafforzare l’interdisciplinarietà che ci caratterizza e che è uno dei nostri punti di forza. L’obiettivo primario è educare gli studenti all’uso consapevole dei dati”. 
Tra le iniziative interessanti del secondo semestre, un incontro che si svolge il 7 marzo, mentre andiamo in stampa, dedicato al rapporto tra la statistica e lo sport. Relatore “il prof. Nicola Torelli, ordinario di Statistica a Trieste, che si è occupato di questo tema”. 
Riguardo alla riconferma alla Presidenza del Corso di Laurea, il prof. Ragozini commenta: “Mi sono ricandidato anche per seguire da vicino gli sviluppi della Laurea Triennale in Statistica che è nata quest’anno e va consolidata. È opportuno portare a compimento il progetto nel migliore dei modi. Una delle esigenze è di farla conoscere anche attraverso attività e laboratori nelle scuole”. Un’altra priorità del secondo mandato “è sicuramente quella di armonizzare l’offerta di Statistica con gli altri Corsi di Laurea. Mi piacerebbe inserire e rafforzare nel percorso in Statistica, per esempio, le discipline giuridiche, aziendali, economiche, di psicologia e di sociologia”. 
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati