Alla Magistrale “nessuno è mai restato fuori”

Troppi allarmismi tra gli studenti, la prof.ssa Laura Sestito, Presidente del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche, cerca di ristabilire la calma. Per quanto riguarda i Laboratori “partiranno entro fine novembre – assicura – Dopo un piccolo ritardo legato all’assegnazione dei fondi, infatti, proprio in questi giorni stiamo assegnando i contratti integrativi e lavorando alla formazione dei vari gruppi di studenti, per i quali sono aperte le iscrizioni da alcune settimane”.
Un altro chiarimento arriva sulla questione dell’organizzazione didattica, in particolare del terzo anno, che vede numerosi esami a scelta nel primo semestre: “E’ stato studiato così apposta per facilitare i ragazzi, e non ha niente a che fare con la protesta dei ricercatori. Abbiamo avuto due sole defezioni da parte di colleghi di insegnamenti a scelta del secondo e del terzo anno, ma non hanno modificato la struttura del calendario. L’organizzazione semestrale è stata decisa a priori, ponendo, per il terzo anno, materie a scelta nel primo semestre e due esami fondamentali nel secondo. Questa struttura è stata pensata proprio per concentrare il lavoro tra primo e secondo anno e lasciare agli studenti del terzo più tempo per i laboratori e per l’elaborato finale. Chi è in regola con gli esami può tranquillamente laurearsi a luglio”.
E per chi si laureerà e vorrà iscriversi alla Magistrale in Psicologia clinica, dinamica e di comunità non ci saranno problemi, “fino ad ora nessuno è mai rimasto fuori. Tutti gli aspiranti hanno sempre trovato posto. Da noi si laurea alla Triennale circa il 60 per cento degli immatricolati, e con l’apertura a 140 posti che abbiamo avuto quest’anno, e il fisiologico numero di quelli che scelgono di continuare in un altro Ateneo, i conti tornano perfettamente”. Ma chi sceglie di continuare a Roma, Milano o alla Sun quali difficoltà incontra? “Il percorso del nuovo ordinamento è stato pensato proprio per favorire il passaggio tra Atenei italiani e anche a livello internazionale. Poi, ogni sede può chiedere l’integrazione di alcuni esami, in base all’indirizzo delle proprie Magistrali. Anche noi chiediamo, a chi proviene da altre università, un congruo numero di crediti nel settore dinamico-clinico, in quanto la nostra Magistrale verte su questo settore di studio. Ma al di là di questi vincoli, creati per rispettare le specificità dei Corsi di Laurea, non ci sono altri particolari problemi da affrontare”.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati