Consiglio degli Studenti, Siciliano Presidente

Insediate le rappresentanze studentesche della Seconda Università di Napoli in seguito alle elezioni di ottobre vinte dalla lista indipendente Insieme. A fare da apripista, il Consiglio degli Studenti (CdS), che si è riunito per la prima volta lo scorso 16 dicembre. Nessuna colorazione politica per la maggioranza che si è costituita in seno al Parlamentino, formata dai due gruppi apartitici e apolitici di Insieme (9 membri) e Collaborazione per lo sviluppo (5); dal senatore accademico Erasmo Fava per la Sinistra Giovanile; da un altro senatore accademico, Peppe Razzano, indipendente eletto con lo schieramento di centro-destra Studenti in movimento (cartello che unisce Udc, parte di Forza Italia e indipendenti); e probabilmente da Emma Turco, approdata in Consiglio nelle file dell’Unicentro.  All’opposizione va il centro-destra di Università dei Valori (espressione di Alleanza Nazionale e parte di Forza Italia) e di Studenti in Movimento.
A coordinare i ventotto membri del Parlamentino (di cui otto tra senatori accademici e consiglieri d’amministrazione), Peppe Siciliano, senatore accademico, con i suoi 1090 voti lo studente più votato in assoluto nella competizione di ottobre. Siciliano è stato eletto alla presidenza del Consiglio con 18 preferenze; due le schede bianche (espresse dal gruppo di sinistra, Progetto università per gli studenti, che ha preso tempo per riflettere sulla sua adesione al pacchetto di maggioranza), 20 i votanti, 28 gli aventi diritto. Per acclamazione e su proposta dello stesso Siciliano, che lo ha indicato come “persona di fiducia”, Antonio De Novellis, studente di Medicina nel Corso di Laurea napoletano, è il nuovo segretario.
Ventisette anni, iscritto al quinto anno di Medicina a Caserta, Peppe Siciliano, senatore accademico e presidente del CdS, è alla sua prima discesa in campo alla Sun, “anche se sono anni che da dietro le quinte mi occupo di politica universitaria”. Tra le priorità del Parlamentino, “mi auguro si crei una sinergia tra il Consiglio degli Studenti e la rappresentanza studentesca in seno al Consiglio di Amministrazione dell’Adisu Caserta, finalmente insediatosi. Diverse le faccende da affrontare, tra cui la questione mensa, struttura che va migliorata dove già esiste e istituita dove ancora non c’è”. A dicembre il Consiglio ha anche provveduto alla costituzione di una commissione che dovrà provvedere alle modifiche del suo statuto, “resesi necessarie da quando la riforma universitaria è entrata in vigore”. Progetto di Siciliano, inoltre, è la realizzazione di un “ufficio di Presidenza che istituisca di volta in volta commissioni che funzioni sul serio”.
Amedeo Baldascino, Francesco Pirolli, Peppe Razzano e il già citato Siciliano sono i quattro rappresentanti che sono entrati in carica al Senato Accademico della Sun lo scorso 20 dicembre; il giorno dopo è toccato ai colleghi del Consiglio di Amministrazione (CdiA) nelle persone di Gennaro Fatigati, Gimmi Cangiano, Giovanni Menditto ed Erasmo Fava. Il CdiA del 21, in particolare, ha votato per l’approvazione del bilancio preventivo 2006. “Il Consiglio – riferisce Fatigati – ha dato l’ok a una serie di progetti per il miglioramento delle strutture d’Ateneo. Tra questi, il complesso di Santa Patrizia, che fa capo alla sede napoletana della Facoltà di Medicina, ospiterà la Segreteria Studenti, evitando ai ragazzi di fare la spola tra il Primo Policlinico e via Marchese Campodisola. Il Consiglio, inoltre, ha dato il suo assenso per l’arredo dell’ex caserma Ettore Fieramosca, sede della Facoltà di Economia di Capua, e per il Palazzo Melzi di Santa Maria Capua Vetere che ospita Giurisprudenza. Infine, il 21 abbiamo anche votato per l’indizione di una gara d’appalto per la costruzione di una nuova struttura da destinare al Polo Scientifico, ubicata in viale Ellittico a Caserta”.
- Advertisement -





Articoli Correlati