Diritto Privato: dopo i test di autovalutazione, incontri collettivi alla conclusione del corso

Più di 300 studenti hanno partecipato alla ‘verifi ca di autovalutazione’ promossa dalla cattedra di Diritto Privato (D-F) del prof. Giuseppe Recinto. Tenutosi a ridosso delle vacanze pasquali, il test intermedio è stato pensato per far comprendere alle matricole la bontà o meno del metodo di studio adottato nell’affrontare la disciplina. “Con la verifi ca ci rendiamo conto dell’andamento degli studi”, spiega il prof. Recinto. I quesiti, a risposta aperta, hanno riguardato le quattro aree affrontate nella prima parte del corso: Persone fi siche, Persone giuridiche, Diritti Reali, Diritti della personalità. “Ho proposto un test scritto per far avvicinare i ragazzi allo scritto giuridico. Dare una risposta scritta è sempre più diffi cile che affrontare un colloquio orale, dove, avendo di fronte un docente, si può capire che direzione si sta prendendo”. Le prove sono ancora in fase di correzione “ma, tutto sommato, non sono andate male, sono abbastanza contento”. Il proposito è quello di sviluppare, successivamente alla correzione, una discussione collettiva in aula: “test alla mano, vorrei far notare il ragionamento che si cela dietro le risposte di ognuno. Insieme, capiremo come andavano sviluppate le domande e su cosa si è potuto sbagliare. Per fortuna ho una classe che mi segue molto, sono soddisfatto della partecipazione attiva e della collaborazione che gli studenti dimostrano quotidianamente con la presenza massiccia in aula”. Chi ha intrapreso una direzione sbagliata nello studio, riceverà “delle dritte su come procedere”. Il tempo limitato non è un alleato di una buona preparazione. “A questo ho già pensato – ammette il docente – Dopo la conclusione uffi ciale dei corsi prevedo almeno un incontro a settimana di un gruppo ‘allargato’ di studenti. Degli incontri collettivi extra che ci consentiranno di accompagnare i ragazzi verso gli esami di giugno e luglio”. Una sorta di ricevimento esteso? “Non proprio. Mi piacerebbe fare lezione in aula (se me lo consentiranno, ma ci sto lavorando) proprio per dare quel consulto, quella verifi ca in più, in vista della prova. Verifi care l’andamento degli studi con delle prove collegiali rende i ragazzi più forti e consapevoli”. Anche l’insegnamento di Diritto Privato ha di fatto ‘sofferto’ di lezioni troppo compresse. “Il Direttore del Dipartimento Sandro Staiano si sta occupando dell’organizzazione del semestre che rende alcuni corsi davvero molto brevi. Sono soddisfatto di come la questione sia stata affrontata da subito. Il prossimo anno accademico le cose cambieranno e di sicuro avremo lezioni meno compatte e più conformi ai reali bisogni delle matricole”, conclude il prof. Recinto.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati