Esami, gli studenti promuovono l’organizzazione della sessione di aprile

Appelli d’esame di aprile e novembre. Il Consiglio di Facoltà di Economia ha discusso a lungo, anche animatamente, sull’opportunità o meno di conservare queste ulteriori finestre d’esame. Alla fine, grazie anche all’insistenza dei rappresentanti degli studenti, gli appelli sono stati conservati, e i benefici per i ragazzi sono stati subito evidenti. Gli esami della sessione di aprile sono stati distribuiti lungo tutto l’arco del mese, suddivisi per aree. Ciascuna area ha avuto delle date assegnate, tutte più o meno vicine tra loro.  Ogni settimana è stata dedicata, di volta in volta, alle materie giuridiche, economiche o matematiche. “Penso l’organizzazione sia stata ottima. Io ho cercato di dare Diritto Privato e Analisi e Contabilità dei Costi. Erano abbastanza distanti tra loro e si poteva tentare di studiare entrambe le materie” dice Luigi Marino, studente di Economia Aziendale. I docenti maggiormente contrari alle sessioni straordinarie, hanno sempre sostenuto che, quando ci sono esami, gli studenti non seguono i corsi, obbligandone, di fatto la sospensione. Ad aprile alcuni docenti hanno scelto di interrompere per un breve periodo le lezioni, altri invece hanno preferito continuare con la programmazione normale. “È stata una scelta assolutamente soggettiva, lasciata alla discrezionalità dei docenti” commenta Luigi. “Noi del Corso di Laurea in Diritto dell’Economia sosteniamo più esami di Diritto rispetto agli altri. Così le date si sono accavallate e io ho dovuto scegliere” lamenta Lina D’Anna.  Nonostante le inevitabili sovrapposizioni di data per le materie della stessa area, il calendario è stato pubblicato con sufficiente anticipo e, rispetto agli anni scorsi, non ci sono nemmeno stati improvvisi cambiamenti di programma. “Spesso i professori cambiano le date all’ultimo momento, stavolta, invece, non è successo” conclude Lina. “Si sono strettamente attenuti al calendario. Sono riuscita a sostenere due esami – Economia e Gestione e Analisi e Contabilità-, appartenenti a due ambiti diversi, proprio perché tra l’uno e l’altro c’erano all’incirca dieci giorni di tempo” spiega la studentessa di Economia Aziendale Raffaella D’Ambrosio. Un po’ diversa è invece la situazione degli studenti iscritti al Corso di laurea in Scienze del Turismo. “Siamo di meno, per noi le cose sono più semplici. Quest’anno, però, ad alcune persone non sono ancora stati registrati gli esami superati a febbraio” sostiene Antonella Autieri, iscritta al terzo anno. (Si.Pa.) 
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati