Lo spazio e la fotografia

 
Tra le attività a scelta dello studente all’interno del Corso di Laurea in Scienze dell’Architettura, anche un corso da due crediti su “La percezione dello spazio attraverso la fotografia”, tenuto dalla prof.ssa Federica Cerami. Le lezioni, cominciate il 5 marzo, si rivolgono agli studenti del terzo anno. “Il corso – spiega la docente – vuole insegnare a leggere con occhi nuovi ciò che costituisce la nostra esperienza quotidiana, in particolare quella legata alla fruizione dello spazio architettonico”.
L’archivio Alinari, insieme alle ricerche di noti fotografi dell’architettura come Basilico, Ghirri e Jodice, i temi al centro della prima parte delle lezioni. Cui ne seguirà un’altra “necessaria a definire le modalità con cui è percepito un manufatto architettonico, come questo possa essere rappresentabile in fotografia e come questa rappresentazione si configuri come comunicazione”. Inoltre, “durante il corso, gli studenti impareranno a conoscere e ad analizzare la luce (fotografia significa letteralmente scrittura della luce) per poi saperla usare al momento dello scatto fotografico”.
Due le letture attraverso le quali si svilupperà l’esame del corso: “In una prima si studierà come, nel corso di una giornata, le variazioni cromatiche e di ombre influenzino la percezione e, quindi, la relativa restituzione fotografica di uno spazio architettonico; nella seconda questo spazio sarà investigato attraverso letture sequenziali, orizzontali e/o verticali”.
- Advertisement -




Articoli Correlati