Marrelli e Mayol riconfermati Presidenti dei Poli

Ateneo Federico II: riconfermati i Presidenti dei Poli delle Scienze Umane e Sociali (SUS) e delle Scienze e Tecnologie della Vita (STV) nella consultazione del 9 e 10 giugno. 
Il prof. Massimo Marrelli, rieletto alla guida del Polo SUS con il 95% dei consensi, commenta: “sono assolutamente soddisfatto del risultato ottenuto e sono contento dell’appoggio avuto dai colleghi e dal personale. Adesso bisogna rimboccarsi le maniche per lavorare bene anche nei prossimi tre anni”. Le cose fatte e quelle da fare: “nella ricerca abbiamo ottenuto buoni risultati con l’aumento delle risorse e con diversi progetti europei. Adesso bisogna occuparsi delle strutture del Polo con la ristrutturazione di quelle esistenti e un riassetto generale”. Nell’arco del nuovo triennio, infatti, la Facoltà di Scienze dovrebbe trasferirsi completamente nel complesso di Monte Sant’Angelo, lasciando gli spazi del centro storico ad altre Facoltà: le aule di San Marcellino saranno destinate a Sociologia e Scienze Politiche, mentre la struttura di via Mezzocannone sarà divisa tra Lettere e Giurisprudenza. “Nel centro storico, in particolare, la carenza di spazi è evidente. In parte si è risolta con l’apertura della Biblioteca Umanistica a piazza Bellini, ma capita ancora di vedere ragazzi seduti a terra nei corridoi. E’ urgente, quindi, migliorare la situazione logistica per favorire le condizioni materiali degli studenti”. Nuovi spazi per gli studenti, “non solo per lo studio, ma anche per i momenti di relax, dove possano socializzare, ascoltare musica, leggere. Cercheremo di allestirli in ogni struttura”.
Al Polo STV  è stato riconfermato, con 666 voti su 1.135 aventi diritto al voto, per un secondo triennio il prof. Luciano Mayol. Il Presidente si dice contento del risultato “anche per l’affetto e la stima di cui mi sono sentito circondato; un riconoscimento di tutto il lavoro svolto in questi ultimi anni”.  Nominato anche il nuovo vice-Presidente: è il prof. Nicola Scarpato del Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare, già membro del Consiglio di Polo. “Il prof. Damiano, ex vice-Presidente, sta per andare in pensione quindi non poteva essere rinominato per un altro triennio – spiega Mayol – Mi è sembrato giusto, dunque, nominare un docente della Facoltà di Medicina, una decisione che ha incontrato l’approvazione di tutti i colleghi”. Ed è proprio su Medicina che punterà la nuova presidenza, Facoltà “che soffre molto perché subisce non solo le carenze e la crisi dell’Università, ma anche la mancanza di fondi da parte della Regione”.
(Va.Or.)
- Advertisement -





Articoli Correlati