Nuovo Presidente e nuova ‘missione’ per la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali

La Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali ha un nuovo Presidente: il prof. Antonio Palma, docente di Istituzioni di Diritto Romano. È  stato eletto lo scorso dicembre. “Il nuovo Direttivo – spiega il prof. Palma – sta procedendo ad una reindirizzazione degli obiettivi della Scuola. In pratica, occorre ridefinirne le finalità, fissando obiettivi concreti ed appetibili per la popolazione dei laureati”. La crisi che negli ultimi anni ha colpito il settore giuridico: “si è riversata anche nel mondo delle Scuole di Specializzazione. Così abbiamo deciso di investire le nostre risorse su una nuova ‘missione’: assecondare la richiesta dei ragazzi nella preparazione ai concorsi pubblici”. Il percorso già in passato rispondeva a questa richiesta, anzi la frequenza alla Scuola era obbligatoria. “Oggi non esiste più questo vincolo per chi voglia intraprendere una delle classiche professioni forensi. Il diritto evolve velocemente ed anche la Scuola si sta adattando. Dal canto nostro, ci stiamo preparando a modificare i curricula formativi, rendendoli più concreti. Ci sarà una maggiore presenza di notai, giudici, avvocati e docenti che garantiranno un livello elevato della proposta didattica. Si alterneranno una serie di professionisti di alto profilo che porteranno l’aspetto della pratica professionale all’interno delle lezioni teoriche”. Un punto di vista: “sfruttabile da chi deve sostenere una prova concorsuale, che richiede diversi fattori da prendere in considerazione”. Nel corso dell’anno sono in programma Lectio Magistralis di esperti in svariati settori. A metà febbraio (in data da definire) “vi sarà una sorta di inaugurazione della Scuola a cui prenderanno parte il Rettore Gaetano Manfredi ed ospiti istituzionali che ci aiuteranno a far conoscere il nostro progetto”. 
Il Direttivo sta lavorando ad una rimodulazione del sito web: “Per consentire un accesso diretto ed immediato a tutte le attività che saranno di volta in volta proposte”. Agli atti c’è anche una nuova Convenzione con l’Ordine Nazionale Forense e dei Notai: “patrocinata dalla Corte di Cassazione che ci permetterà di ospitare i tirocinanti presso queste sedi. La Scuola sarà luogo di formazione per menti giovani e brillanti”. 
Una novità potrebbe riguardare gli iscritti all’ultimo anno del Corso di Laurea: “Stiamo pensando di ospitare gli studenti che devono sostenere gli ultimi esami affinché chi non ha le idee molto chiare sul futuro possa avere un indirizzo, grazie alla Scuola”. Un invito ai laureandi: “veniteci a trovare per conoscere in concreto cosa offre la nostra preparazione. Vi aspettiamo in via Marina, pronti ad accogliere ogni domanda sulle nostre nuove finalità”. 
- Advertisement -





Articoli Correlati