Per quaranta studenti, un percorso professionalizzante

Anche la Facoltà di Sociologia nel progetto Campus Campania. A darne notizia, la Preside Enrica Amaturo nel Consiglio di Facoltà dello scorso 19 aprile, in cui si è parlato pure di Guida dello Studente e di “stranezze” nei corsi di Statistica.
La Regione, dunque, ha approvato e finanziato l’attivazione di un percorso professionalizzante nell’ambito del Corso di Laurea in Culture digitali e della comunicazione, “in cui gli studenti  avranno, in aggiunta alla normale offerta didattica, ulteriori attività formative”, spiega la Preside. Al termine dei tre anni, “oltre alla laurea in Culture digitali e della comunicazione, i ragazzi avranno anche un attestato di esperti in nuove tecnologie per la comunicazione”.
Quaranta (di cui venti come uditori) le matricole che sono state selezionate per il corso, partito la terza settimana di aprile. “Abbiamo indetto un bando interno cui potevano partecipare solo gli studenti iscritti al  primo anno e con un’età inferiore ai 25 anni – riferisce la Preside – Hanno presentato domanda in cinquantasei, selezionati poi in base ad un criterio di merito: valutazione dei crediti già acquisiti e, a parità di crediti, la media di voto ottenuta agli esami”.
Tra le altre novità del Consiglio, quella secondo cui anche la rappresentanza studentesca parteciperà alla redazione della Guida dello Studente del prossimo anno accademico, accanto al manager didattico Vittoria Staiano e ai professori Giancarlo Ragozini e Anna Maria Zaccaria. “È stata una esplicita richiesta dei rappresentanti che appartengono alla lista ‘Compagni di Viaggio’ – dichiara Angelo Orefice, presidente del Consiglio degli Studenti – La proposta nasce dalla constatazione di quanto sia difficile per una matricola, soprattutto nei primi mesi di Università, orientarsi nel dedalo dei corsi, programmi, orari, ecc.”. “Stiamo valutando in che modo dare il nostro contributo – aggiunge Orefice – Pensiamo di offrire le nostre competenze specifiche o comunque proporre qualcosa di innovativo”. 
Accolto con favore l’impegno degli studenti dalla Preside Amaturo: “la redazione della Guida è un lavoro laborioso e complicato. Pensiamo di impiegare i ragazzi a tempo pieno, incaricandoli magari di reperire informazioni particolari o di sollecitare i docenti per la presentazione dei programmi”. 
Nonostante il recente sdoppiamento del corso di Statistica in due cattedre cui si è dovuto ricorrere per il sovraffollamento delle lezioni, manca un’equa distribuzione degli studenti tra le cattedre. A farlo notare al CdF, il prof. Giancarlo Ragozini, titolare di entrambe le cattedre. “Probabilmente – dice Orefice – ci sono persone che, per loro comodità, non rispettano la suddivisione per lettera. Accade così che i due corsi abbiano una frequenza di duecento studenti in un caso, di appena cinquanta nell’altro”. Pertanto, il prof. Ragozini ha avuto mandato dal CdF di accertare l’identità dei corsisti a lezione, “attraverso il controllo dei documenti o con qualsiasi altro mezzo”, chiosa il rappresentante.
Ultimo punto all’ordine del giorno del CdF d’aprile, i ringraziamenti della prof.ssa Amalia Signorelli, docente in congedo per malattia sino alla fine di maggio. “Attraverso la Preside – racconta Orefice – la docente ha ringraziato il Consiglio e la Facoltà intera per l’affetto che le è stato dimostrato in occasione del suo ricovero in ospedale. Inoltre, ha incaricato noi rappresentanti di portare la sua gratitudine agli studenti”. Nel frattempo, toccherà alla dott.ssa Adele Miranda sostituire la collega nel modulo del secondo semestre di Antropologia urbana e metropolitana. 
Infine, riferisce la Preside: “a riprova degli sforzi che la Facoltà compie per l’acquisizione di nuove docenze, è stato appena bandito la valutazione di trasferimento di un docente che operi nell’ambito della Sociologia del territorio, che si unirà a noi nel prossimo anno accademico”. 
(P.M.)
- Advertisement -





Articoli Correlati