Pochi e contesi i laureati

Quindici laureati e quaranta immatricolati ogni anno: sono numeri piccoli, quelli del Corso di Laurea in Chimica industriale. “Chi lo sceglie intende approfondire gli aspetti applicativi, in ambito industriale, della Chimica”, spiega il Presidente di Corso di Laurea Elio Santacesaria. Non meraviglia, dunque, che le industrie rappresentino lo sbocco naturale di chi si laurea. “Parte va a rimpiazzare i vuoti in organico determinati dal pensionamento del personale delle industrie chimiche propriamente dette. Altri trovano lavoro nelle industrie di tipo diverso, per esempio la tessile oppure quella alimentare, che necessitano di laureati capaci di applicare la chimica ai processi produttivi”. Tra laurea e lavoro raramente passa più di un anno. Chi è disposto a muoversi attende anche meno; i tempi si allungano per chi aspetta l’occasione propizia nei paraggi. “Soprattutto bisogna essere svegli -raccomanda Santacesaria-. Inoltrare domande, prendere contatti, proporsi. Questo è il modo migliore di trovare lavoro per un chimico industriale”. Continua a pesare la discriminante di genere. Le donne impiegano più tempo a trovare lavoro, perché la legge del profitto a tutti i costi si sposa male con eventuali maternità ed allattamento. Meno gettonata l’ipotesi dell’insegnamento, in parte perché la scuola assume molto poco, in parte perché gli stessi chimici industriali lo considerano generalmente un ripiego. “Questo ha provocato danni -spiega il professor Santacesaria-. Negli anni la Chimica è stata insegnata ai ragazzi da naturalisti, biologi, geologi. In pratica da gente che non faceva il suo mestiere. La cattiva fama di cui gode la materia a scuola deriva da questo”. La mancanza di buone basi, sostiene, il Presidente di Corso di Laurea, costituisce fondamentalmente anche il motivo delle difficoltà che molti incontrano al cospetto di alcuni esami del primo anno: Chimica e Matematica in particolare. 
Chimica industriale prevede attualmente un triennio propedeutico ed un biennio di applicazione. Le materie del primo semestre che affronteranno le matricole sono: Istituzioni di matematiche (I corso), Chimica generale ed inorganica, laboratorio di chimica generale ed inorganica. Al secondo semestre sono previsti i seguenti esami: Fisica generale (I corso), Chimica organica (I corso), Laboratorio di chimica organica (I corso), Istituzioni di matematiche (II corso). 
Anche Chimica industriale sta per trasferirsi da via Mezzocannone a Monte Sant’Angelo, in via Cinthia, nella zona occidentale della città. 
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati