Business e nutraceutici

Capire i mercati. Prevedere i bisogni e le necessità del consumatore. Decidere i canali migliori per raggiungerlo con trasparenza, senza trascurare il profitto, ma nel rispetto delle regole. Al secondo anno di Scienze Nutraceutiche riparte il corso a scelta di Marketing e tecniche della comunicazione scientifica tenuto dalla professoressa Tiziana Russo Spena, associato di Economia e Gestione delle Imprese al Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni. Il corso, tenuto già in passato a Informazione scientifica sul farmaco, punta a trasferire agli studenti “i concetti di base e gli strumenti per analizzare un mercato in forte divenire e legato più al business che al settore farmaceutico tout court”. Il riferimento non è solo alla vendita: “c’è molto altro. Oggi il marketing ha un valore strategico per l’impresa e significa capire i mercati, accertarne le esigenze e i bisogni, creare quel collegamento necessario per farsi preferire”. Un flirt con il business che parte “già quando si sta ideando il prodotto”, per capire in anticipo cosa vuole il consumatore e come lo vuole. Il lavoro in aula procederà in tre fasi. La prima, teorica, “affronta concetti di marketing e analisi della domanda. Cerco di dare agli studenti elementi concettuali e strumenti di analisi per capire il consumatore, i bisogni e le caratteristiche”. Fase due, dal contenuto pratico operativo: “entriamo nel merito delle tecniche di marketing, trattando argomenti quali la segmentazione del mercato e la strategia di posizionamento. Saranno analizzati molti casi pratici e ai frequentanti sarà chiesto di sviluppare dei progetti di lavoro a partire da un prodotto specifico”. In conclusione, agli studenti “sarà chiesto di elaborare un piano di marketing, pensando all’individuazione di un nuovo prodotto e immaginando come possa essere comunicato”. Modalità d’esame: “si parte dal progetto di lavoro per poi approfondire gli aspetti teorici studiati in aula”. Punto di forza degli studenti del Dipartimento di Farmacia alle prese per la prima volta con argomenti economici: “hanno una ottima conoscenza del contesto di riferimento e una visione del mercato molto più piena rispetto a uno studente di Economia che conosce gli strumenti, ma non un settore o un business di riferimento. A loro, che dopo la laurea si ritroveranno catapultati nel contesto professionale, è importante trasferire strumenti utili per applicare le metodologie tipiche del marketing”. 
Ciro Baldini
- Advertisement -
spot_img
spot_img

Articoli Correlati