Destinazioni Erasmus: si può scegliere all’interno delle macroaree

È on line (https://uniparthenope.erasmusmanager.it/studenti/) il bando di partecipazione al programma Erasmus+: c’è tempo fino al 24 febbraio per la presentazione delle domande. Rivolto agli studenti iscritti alla Parthenope che vogliano svolgere un periodo di studio in una delle università europee in convenzione, da un minimo di tre ad un massimo di 12 mesi, il programma quest’anno presenta delle novità. 
“Il numero di destinazioni è aumentato e sono state create delle macro-aree all’interno delle quali i ragazzi potranno scegliere la loro sede, aumentando di fatto il numero di possibilità. Ad esempio, nel caso della Scuola di Economia e Giurisprudenza si potranno scegliere non solo sedi in convenzione col Dipartimento di appartenenza ma anche quelle con gli altri Dipartimenti che afferiscono alla struttura. Per l’area scientifica, individuata l’affinità disciplinare tra i Dipartimenti di Scienze e Tecnologie e Ingegneria, si potrà operare lo stesso tipo di interscambio avendo messo in comune tutte le sedi di entrambe le strutture dipartimentali. Per sua stessa specificità scientifica, Scienze Motorie rimane invece a sé”, spiega la dott.ssa Virginia Formisano, capo Ufficio Servizi Internazionalizzazione e Comunicazione Linguistica.
Altra novità di quest’anno è l’applicazione ‘Erasmus+ App’, sviluppata a livello europeo e che “permetterà ai ragazzi di sviluppare il learning agreement (che ricordiamo include gli insegnamenti da seguire nella sede ospite e che va presentato dopo aver confermato l’accettazione) direttamente in rete. Questo facilita l’accesso per gli studenti e va in direzione della dematerializzazione della pubblica amministrazione incentivata anche a livello europeo”.
Per i giovani in partenza alla prevista borsa Erasmus (300 euro per mese se ci si reca nei Paesi dove il costo della vita è medio o alto e 250 se il costo della vita è basso) può essere assegnata anche una borsa ministeriale in base al reddito e riservata agli iscritti fino al primo anno fuori corso: “Il tetto massimo per accedervi è di 50 mila euro di Isee. La prima fascia, con tetto fino a 13 mila euro, ad esempio avrà una borsa di 400 euro mensili. Il 50% viene accreditato contestualmente alla prima rata della borsa Erasmus”, spiega la dott.ssa Formisano.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati