Gli studenti vincono la sfida calcistica contro i professori

Era la rivincita, ma per i professori si è trasformata in una nuova sconfitta. Il campo ancora quello del Ford Village di Agnano e le squadre sempre quella degli studenti, capitanati da Antonio Nuzzolo, da una parte e quella dei docenti-assistenti guidata dal prof. Giuseppe Riccio, dall’altra. L’8 giugno, dunque, è andato in scena il secondo atto di una sfida calcistica già giocata un mese prima e che aveva visto prevalere i ragazzi. Anche nel secondo match, l’esito non è cambiato. Unico motivo di conforto, per i docenti, è stato il punteggio: 4-5, uno scarto minimo che, come vi racconteremo tra un attimo, poteva anche essere annullato ma soprattutto che racconta di una differenza di valori in campo, tra le due compagini, che va pian piano livellandosi.
La partita, organizzata da Nuzzolo, per gli studenti e dal dott. Vitello, per i docenti, è stata arbitrata dal sig. Ugo Armano.
Queste le formazioni scese sul terreno di gioco: STUDENTI.                         
W.Polito , A.Nuzzolo, E.Iacobelli , M.Masala, D.Contino, S.Eposito, F.Iacovone, L.Longobardi, G.Vitiello. DOCENTI. L.Vitiello, V.Fronzoni, I.Simeoni, G.Mensorio, E.Mormile, M.Cuosta, A.Vele, E.Rosciano, N.Russo, L.Cri Cri, A.Pagliano, A.de Caro, A.Fusco, D.De Rosa, D.Raucci, M.Epifania. All. prof. G.Riccio. All 2a M.Griffo.
Il capocannoniere dell’incontro è stato lo studente Longobardi (3 reti). Da rimarcare le prove offerte da Polito e Nuzzolo da una parte e Vitiello e Fusco dall’altra. Dicevamo, poi, della grande occasione sprecata dai docenti che, proprio a conclusione di match, hanno sbagliato il rigore del possibile pareggio con De Caro. 
Ecco alcuni commenti a caldo. “Voglio sottolineare che hanno perso i professori, non hanno vinto gli studenti…” ha detto l’allenatore in seconda dei docenti, Griffo, riferendosi, evidentemente, allo sfortunato episodio del rigore. Gli ha fatto eco capitan Nuzzolo: “siamo i più forti, in campo abbiamo fatto valere ancora una volta la nostra legge”.
Come di consueto, la manifestazione si è conclusa con la premiazione del prof. Riccio che questa volta ha ricevuto una coppa a forma di pallone d’oro con una targa a ricordo dei risultati delle precedenti sfide… Un innocente sfottò che, siamo sicuri, avrà un seguito. Nelle aule universitarie o sui campi da calcio.  (M.M.)
- Advertisement -





Articoli Correlati