Le donne sono più brave

28.633 laureati alla Federico II tra il 2002 e il 2004, con oltre l’80% degli studenti che non riesce a completare gli studi nei termini di legge: il dato significativo che emerge dal rapporto Stella dedicato all’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
Il gruppo giuridico e quello ingegneristico, rispettivamente con 6.017 e 5.163, sono i settori che contano il maggior numero di laureati, a conferma della tradizione d’Ateneo in questi ambiti di studio; agli ultimi posti, i gruppi agrario (1.079), scientifico (670) e linguistico (293). Seppur con uno scarto minimo (più 630), le donne si laureano in numero maggiore rispetto agli uomini e registrano una migliore performance nei gruppi letterario, medico e politico sociale, mentre sono decisamente più numerosi i laureati maschi in Ingegneria (4.362 a fronte delle 801 femmine).
Le tredici Facoltà dell’Ateneo e gli oltre 150 Corsi di Laurea attivati attirano prevalentemente studenti che risiedono in Campania: il 66,81% proviene dal capoluogo partenopeo e dalla sua provincia, il restante 24,69% dalle altre provincie della regione. Esiste, tuttavia, un 8,50% di laureati che arriva da fuori regione, soprattutto dalla Basilicata (497), dall’Emilia Romagna (469), dal Lazio (414) e dalla Puglia (306).
Il maggior numero di laureati fridericiani ha conseguito la maturità scientifica (11.661 unità), scegliendo poi Facoltà del gruppo ingegneristico, giuridico, economico-statistico e geo-biologico. Seguono i diplomati al liceo classico e al tecnico, che hanno optato per i settori giuridico e letterario i primi, ingegneristico ed econoico-statistico i secondi. I dottori in Architettura e nel settore medico e geo-biologico migliorano il loro rendimento formativo: partendo da un voto di diploma piuttosto basso, riescono a laurearsi con una votazione superiore a 105.
- Advertisement -





Articoli Correlati