Orientamento ‘virtual’ ad Architettura

“L’orientamento è un’attività molto importante, per questo intraprendiamo importanti campagne in ingresso, in itinere e in uscita – dice la prof.ssa Maria Dolores Morelli, titolare del Laboratorio di Industrial Design e referente all’orientamento del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale – Siamo sempre stati in prima linea, grazie alla costante presenza in filiera, cioè al contatto non solo con le scuole, ma anche con le aziende. Sforzi sinergici per costruire laboratori ‘vocazionali’, al fine di orientare al meglio le passioni e i desideri sopiti degli studenti”. Quest’anno le cose sono andate un po’ diversamente per l’emergenza sanitaria: “il Covid-19 ci ha costretti a un approccio diverso rispetto a quello a cui eravamo abituati; di solito le nostre giornate di orientamento erano caratterizzate da una viva partecipazione di utenza, gli studenti e le loro famiglie, oggi invece ci siamo riscoperti in una veste 2.0, più tecnologica. Abbiamo raccomandato agli studenti, anche sulla locandina, di interagire con gli attori di queste attività: è vero che il mezzo tecnologico toglie naturalezza, ma non per questo deve venir meno l’interazione”. Diverse le attività in programma. Virtual Dadi: attraverso l’utilizzo della piattaforma ‘Zoom’, costituisce un tipo di orientamento ‘Intra Moenia’, gli alunni delle scuole partecipano a eventi già calendarizzati; il primo appuntamento si è tenuto il 13 maggio scorso, verrà riproposto il 3 e il 24 giugno e il 1° e 15 luglio (dalle ore 15 alle ore 17). “Gli incontri, che vedono una disponibilità massima di cento partecipanti per data, sono volti a fornire delle risposte aggiornate agli alunni, ma anche a fidelizzarli con la presentazione delle attività del nostro Dipartimento”, spiega la prof.ssa Morelli. Ancora, il ‘To Dadi’, che si è svolto a partire dal 4 maggio in poi: “i docenti del Dipartimento, su orari precedentemente stabiliti con gli istituti secondari di secondo grado, sono intervenuti nelle classi virtuali da questi allestite e hanno svolto orientamento all’interno di classi già strutturate”. La terza modalità è ‘Virtual Ergo’, “che per correttezza dovremmo chiamare soltanto ‘Ergo’, poiché la componente virtuale non è che una contingenza dovuta all’emergenza sanitaria; si tratta di un progetto, attualmente alla sua sedicesima edizione (inaugurato nel 2016 e riproposto in cinque eventi annuali, in occasione delle cinque sedute di laurea), ripartito in tre momenti: Laurea, Orientamento e Placement. In questa occasione gli alunni degli istituti superiori hanno la possibilità di visionare i lavori di tesi dei nostri laureandi triennali, quindi poter toccare con mano il nostro lavoro e sviluppare una opinione in merito. Per adeguare al web un’attività che solitamente veniva svolta in sede, ci siamo avvalsi della stessa piattaforma ‘Zoom’, dove abbiamo allestito una mostra virtuale delle tesi di laurea (la prossima il 20 luglio)”. Sul portale di Dipartimento, inoltre, “sono presenti clip video e materiali riguardo all’orientamento, a cui gli studenti possono accedere autonomamente in qualsiasi momento”. Tra le novità nell’ambito dell’offerta formativa del Dipartimento, la Magistrale in Planet life design, “in collaborazione con le sedi universitarie di Assisi e Perugia”.
Nicola Di Nardo

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it

- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati