Scritti o orali?

Modalità d’esame, ADE, possibilità di accedere, con le dovute cautele, ai servizi utili per lo studio e la tesi. Sono queste alcune delle questioni che al momento tengono impegnati i rappresentanti degli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Con l’avvicinarsi della sessione estiva urgono indicazioni precise per tutti gli esami. Sarà scritto o orale? “Ci stiamo adoperando affinché gli studenti abbiano notizie in merito quanto prima” ha affermato Simone Magelli, rappresentante in Consiglio di Scuola, che ha proseguito: “ci stiamo lavorando da inizio maggio. Abbiamo avuto risposta per quasi tutti gli esami. L’orale è la soluzione maggiormente scelta. In pochi faranno sostenere sia scritto sia orale. Nessuno ha optato solo per lo scritto”. A preoccupare è il calendario: “temiamo che gli esami telematicamente si possano allungare troppo nel tempo”, provocando degli intoppi nei programmi di studio. Qualche difficoltà sta emergendo per le attività di ricerca sperimentale per la tesi: “il problema di fondo è accedere ai reparti. Lo studente per ora può limitarsi all’attività di ricerca, andando in ambulatorio solo per le cartelle cliniche. Accedere ai reparti significa dover usare dei dispositivi di protezione”. Per chi si deve laureare a luglio: “i tirocini prelaurea stanno procedendo. Per le tesi, i ragazzi si stanno muovendo autonomamente con i relatori chiedendo in via eccezionale di recarsi al Policlinico per le attività di consultazione di casi clinici utili allo studio”. In tema consultazione, tra i nodi delle ultime settimane c’è la riapertura della biblioteca all’Edificio 20: “siamo in contatto con il Direttore. I libri potranno essere prestati, previo appuntamento. Stiamo aspettando la sanificazione che si sarebbe dovuta tenere il 18 maggio, ma non è ancora avvenuta”. Capitolo Attività Didattiche Elettive. Rimandate a tempi migliori alcune esperienze pratiche che richiedono necessariamente la partecipazione in presenza. Altre, invece, si sono tenute più di una volta per soddisfare le esigenze di tutti gli studenti: “a inizio anno il numero elevato di studenti ha creato qualche problema. Stiamo lavorando da un po’ alla questione. Molti docenti sono stati disponibili a riaprire le prenotazioni, così nell’ultimo mese abbiamo risolto il problema per il primo e il secondo anno”.

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it

- Advertisement -





Articoli Correlati