200 studenti al giorno, l’utenza dell’aula multimediale

Più di ventimila presenze l’anno. Circa duecento studenti al giorno. Ecco i dati relativi alla frequenza dell’aula informatica al primo piano dell’edificio di via Porta di Massa. Venticinque postazioni internet da cui gli studenti possono svolgere ricerche, prenotare esami, inviare posta elettronica. Il laboratorio didattico nasce con il progetto SUSIRELM (Sviluppo di un Sistema Integrato di reti e Laboratori Multimediali) nell’ ottobre del 2005 con lo scopo di agevolare gli studenti nella navigazione in rete finalizzata alla consultazione di siti d’interesse giuridico gratuiti o a pagamento, nonché la consultazione di banche dati su cd di proprietà della Facoltà e dell’Ateneo. “E’ l’unica sala informatica a libero accesso per gli studenti e per questo motivo è molto frequentata” racconta Pasquale Iscaro responsabile della gestione dell’aula. Ma come si accede a questo servizio? “E’ molto semplice: basta prenotarsi con nome e matricola. Io accolgo le prenotazioni, le trascrivo e riservo la postazione per l’ora indicata dallo studente. Sono ammessi dieci minuti di ritardo, dopodiché la prenotazione decade e il pc viene occupato da un altro studente”. L’aula è sempre gremita, non siamo qui da nemmeno dieci minuti che già una decina di studenti ha lasciato la postazione cedendo il posto ad altri. Ma tutti hanno prenotato? “Non sempre – dice Iscaro- le postazioni possono essere occupate al massimo per un’ora. A volte però per alcune operazioni –controllare e prenotare un esame, verificare un’informazione per andare sul sito della Facoltà- non occorrono più di dieci – quindici minuti e quindi il computer si libera prima del previsto. Così gli studenti che non hanno prenotato possono approfittare del pc che si libera per prima. Naturalmente per poter usufruire del servizio è necessario fornire il nome e matricola e si deve esibire la tessera magnetica o il libretto universitario”. I servizi maggiormente richiesti: fonti per la tesi, bibliografia, consultazioni delle riviste giuridiche, dati a cui non si può accedere con il collegamento internet casalingo. “E’ vero – conferma Iscaro – qui abbiamo l’abbonamento a banche dati di indirizzo giuridico tipo Iuri-Italia, abbonamenti per la consultazione di riviste giuridiche, alla Corte di Cassazione e alla Corte Costituzionale. Gli studenti in difficoltà con la tesi vengono qui e il più delle volte ritornano a casa con informazioni utili. I computer, inoltre, sono dotati di pacchetti office così gli studenti fuori sede che non hanno un pc possono anche digitare la tesi. Anche se ogni postazione per motivi di sicurezza deve essere usata da un solo studente, a volte capita che si effettuino ricerche di gruppo. Siamo fiscali ma sempre a disposizione dello studente”. Purtroppo l’aula, in funzione dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00, il pomeriggio resta chiusa. Ma il Preside Scudiero ed il responsabile del progetto, il prof. Perrone Capano, stanno valutando l’idea di aprirla anche qualche pomeriggio a settimana. Ed è proprio il prof. Raffaele Perrone Capano ad esprimere grande soddisfazione sull’accoglienza del servizio ed a ritenere necessaria “l’apertura di altre aule per offrire maggiori opportunità agli studenti”. Il professore, fautore del binomio diritto-informatica, anticipa “stiamo lavorando alla realizzazione di un progetto europeo, nel settore delle reti d’eccellenza, relativo alla produzione di un ipertesto su cui si possono condurre ricerche di tipo concettuale e non su base di dato. Ci muoviamo in una logica multilingue su testi giuridici stranieri proprio per poter ampliare i nostri orizzonti”. 
Ed ora la parola agli utenti dell’aula multimediale. “La frequento abitualmente – dice Piero Abbusco – Raramente c’è fila e la postazione internet è molto veloce. Prenoto esami, controllo la mia posta, ricerco termini giuridici insomma un ottimo servizio”. Laura: “non ho internet a casa e quindi, quando i chioschi informatici per prenotare l’esame non funzionano, vengo qui e mi collego. Niente di più semplice, e se c’è qualcosa che non va oppure ho bisogno di un consiglio c’è il sig. Iscaro pronto ad intervenire”. Mariangela Tosca utilizza il servizio soprattutto per preparare la tesi di laurea: “peccato che le postazioni siano solo 25 e che si possa navigare solo un’ora. A volte non riesco a terminare la ricerca e devo ritornare il giorno dopo. Ma tutto sommato va bene, fin quando non aggiungeranno nuovi pc è giusto dare spazio a tutti”.
Susy Lubrano 
- Advertisement -





Articoli Correlati