50 studenti di Economia visitano lo stabilimento della Bticino

Iniziativa sul campo per una cinquantina di studenti del corso di Gestione della Produzione e della Logistica del prof. Roberto Vona. Giovedì 27 aprile hanno visitato lo stabilimento di Torre del Greco della bticino, azienda parte della multinazionale francese Legrand attiva in sessanta Paesi, fra cui l’Italia con sedi a Varese, Milano, Erba (Como), Azzano San Paolo (Bergamo), Brescia, Ospedaletto Lodigiano (Lodi), Alessandria, Castellalto (Teramo) e,
per l’appunto, Torre del Greco. È tra i riferimenti mondiali nel settore delle infrastrutture digitali ed elettriche di edifici ad alta efficienza energetica e di progetti per lo sviluppo delle Smart Grid. “L’iniziativa rientra in un progetto culturale generale che portiamo avanti da anni e che rappresenta un’occasione unica nell’ambito della formazione in Economic, perché consente ai ragazzi del terzo anno che scelgono questa materia di vedere finalmente uno stabilimento dal vivo – sottolinea il prof. Vona – Uno strumento didattico che si è rivelato essere molto potente dal momento che ha consentito a molti di fare delle esperienze di tirocinio e anche di essere assunti, poiché la logistica è un settore nel quale i nostri laureati, anche triennali, sono molto richiesti”. A condurre la visita, l’ing. Luigi Caroppo, oggi in pensione dopo trent’anni alla bticino e docente a contrattoper la disciplina: “per entrare nel del lavoro oggi non bastano più le conoscenze tecniche, occorrono anche tutta una serie di altre abilità, o soft skills soprattutto di cultura comportamentale e manageriale. Sono le informazioni che cerco di trasmettere accanto a tutte quelle che riguardano l’efficienza delle macchine, la qualità e il flusso delle attività”. Il programma del semestre prevede ancora due lezioni extra-moenia all’Interporto Campano e alla Fiat Chrysler Automobiles (FCA), ex struttura FIAT
di Pomigliano d’Arco. Entusiasti i partecipanti alla visita. “Entrare finalmente in fabbrica, prendere contatto con la realtà, osservare dal vivo quanto studiamo sui libri con tanto sacrificio accompagnati da chi ci mette a disposizione un’esperienza di decenni, è un’esperienza fantastica”, commenta Valerio Mazzeo che ha deciso di inserire nel suo piano di studi questa disciplina per la sua attualità. “Non immaginavo che la logistica fosse così strettamente
collegata alla produzione, ma in un primo momento mi interessava capire come si sviluppassero questi servizi in un modello di globalizzazione spinta”, aggiunge. “Si tratta di una materia più pratica di altre che mi sembrava potesse rendere più completo il piano di studi in Economia Aziendale, ambito nel quale affrontiamo tanta Contabilità e Diritto, ma pochi aspetti concreti”, afferma Federica Bonelli. “È fantastico. Stiamo toccando con mano tutto quello di cui ci occupiamo a lezione. Le immagini sono una cosa diversa dalle parole”, dice Nunzia Lama che del docente conosceva metodo e approccio. “Mi piacerebbe molto svolgere un tirocinio in questo settore, credo che sarebbe una bellissima esperienza e un ottimo modo per affacciarsi al mondo del lavoro”, conclude.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati