Analisi economica del diritto, un corso per dottorandi e studenti

Lezioni di livello avanzato rivolte a dottorandi e a studenti della specialistica: una novità assoluta nel sistema didattico della Facoltà di Giurisprudenza, attualmente in sperimentazione con il Corso di Analisi economica del diritto, organizzato dal Dottorato di Ricerca in Diritto ed Economia e in collaborazione con il Dottorato in Scienze Economiche. Partito il 12 febbraio, il ciclo di lezioni durerà fino al 7 maggio e si tiene ogni lunedì alle ore 15:00 presso il Dipartimento di Diritto costituzionale italiano e comparato, che ha sede nell’edificio di via Nuova Marina. Il prof. Sandro Staiano, docente di Diritto costituzionale e coordinatore del Dottorato in Diritto ed Economia, spiega come è nata l’iniziativa. “Il ciclo di lezioni è promosso dal nostro dottorato, che si iscrive nell’ambito dell’Istituto di Scienze Umane, il quale ha sede a Napoli e a Firenze – dice- Si tratta di un dottorato dal carattere fortemente interdisciplinare, dove nell’area delle discipline economiche e giuridiche si inquadra il contributo di penalisti, costituzionalisti, internazionalisti, aziendalisti, storici dell’economia, studiosi dell’economia quantitativa…Dunque, abbiamo contenuti molto ricchi”. La ricchezza dei contributi scientifici di cui si avvale il Dottorato, giunto al suo secondo ciclo e al suo quinto anno di vita, trova espressione nel programma del Corso di Analisi economica del diritto, decisamente corposo. Non è un po’ azzardato proporlo anche agli studenti? “D’intesa con il prof. Carlo Panico (docente di Economia politica a Giurisprudenza, ndr) abbiamo pensato che fosse possibile rivolgerci anche agli studenti con una preparazione adeguata, ai quali la frequenza al corso varrà il riconoscimento di ulteriori crediti. Si tratta certo di un programma impegnativo, ma come docente me la sento di affermare che gli studenti ci chiedono sempre di più una didattica di qualità”. Infine, una riflessione sui relatori che interverranno. Oltre ai docenti di discipline economiche e giuridiche della Federico II, saranno presenti anche professori della Parthenope, dell’Università di Siena, dell’Università di Pisa. Saranno impegnate competenze dalle provenienze diverse. “Come dottorato siamo aperti agli altri atenei, e durante questi anni abbiamo maturato relazioni che adesso siamo ben contenti di mettere a disposizione degli studenti”. Riportiamo di seguito il programma il calendario delle lezioni. 19 febbraio: Strumenti analitici dell’analisi economica del diritto; 26 febbraio: Il teorema di Coase; 5 marzo: Regolamentazione dei mercati e auditing; 12 marzo: L’analisi economica della corruzione; 19 marzo: La teoria economica dei contratti e il mercato del lavoro; 26 marzo: Legge, legislazione e libertà: i contributi di Hayek; 16 aprile: Teorie della sanzione penale e nuovi modelli di giurisdizione, Delitto e castigo come scelta razionale; 23 aprile: L’organizzazione dell’ordinamento giudiziale; 7 maggio: La regolamentazione ambientale. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito http://www.lawandeconomics.wordpress.com/ o scrivere all’indirizzo di posta elettronica lawandecono mics.unina@gmail.com.
- Advertisement -





Articoli Correlati