Architettura decide l’adesione alla Scuola Politecnica

Sembra doversi allargare la famiglia della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base della Seconda Università. Architettura, proprio mentre andiamo in stampa, decide nel Consiglio di Dipartimento di Architettura i contorni dell’adesione alla Scuola – dove sono già incardinati i Dipartimenti di Ingegneria Civile, Design, Edilizia e Ambiente; Ingegneria Industriale e dell’Informazione; Matematica e Fisica). Uno sbocco quasi naturale e che consente di riunire sotto un’unica ‘casa’ tutti quei settori scientifico disciplinari omogenei presenti sul territorio di Aversa. “L’Ateneo sta rivedendo lo Statuto e i regolamenti, con una generale revisione dei Dipartimenti, e in questo quadro rientrerebbe questa nostra nuova collocazione all’interno della Scuola Politecnica”, spiega il prof. Luigi Maffei, Direttore del Dipartimento. Poi tiene a sottolineare per correttezza istituzionale: “È un momento di crescita importante e in questo periodo la Scuola e il Polo di Aversa sono stati, comunque, il nostro punto di riferimento. La questione è in questi giorni in fase di discussione, per cui, per quanto gli umori sono positivi, è presto per qualunque altra precisazione”. 
Nel frattempo nel Dipartimento si lavora per accogliere i nuovi iscritti, i cui numeri sembrano non aver deluso le aspettative: “Abbiamo avuto 147 immatricolazioni al Corso di Architettura quinquennale e 450 domande per i Corsi Triennali di Design e Comunicazione e Design per la Moda.  Siamo contentissimi del numero di iscritti di quest’anno, che va in controtendenza rispetto alla situazione italiana che vede le immatricolazioni nei Corsi di Architettura in calo. Noi restiamo ancora attrattivi per i nostri studenti e dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione”. Un’iniziativa che va in questa direzione è l’apertura della nuova aula studio da 70 posti, pensata per offrire un luogo confortevole in cui trascorrere le ore di studio all’interno del Chiostro, con uno spazio dedicato ai rappresentanti degli studenti e delle aree per eventi dedicati ai ragazzi come il Welcome day che si è tenuto il 19 ottobre.
Entro la fine dell’anno sarà anche inaugurata una nuova Biblioteca d’avanguardia con un’intera sezione dedicata al catalogo dei materiali: “Si tratta di una struttura unica, non presente sul nostro territorio e con solo un altro paio di esempi simili in tutto il sud Italia”. 60 mila prodotti catalogati su schede tecniche e una vasta gamma di campioni fisici che si rinnovano e si aggiornano continuamente: “In questo modo viene offerto un importante strumento didattico e di ricerca, non solo per i nostri studenti, ma per tutto il territorio e per le aziende del settore”.
Università che si apre alla sua terza missione anche con i mercoledì mattina dedicati ai seminari: “Stiamo per approvare un calendario di eventi con i quali ogni mercoledì mattina apriremo le nostre aule alla cittadinanza e agli enti pubblici ed associazioni: è prevista una interessante serie di dibattiti e seminari, oltre a tre grandi eventi programmati nell’arco dell’anno”.
Sul fronte docenti il Dipartimento può contare su tre nuovi associati – Lorenzo Capobianco, Riccardo Serraglio e Raffaele Cutillo – e un nuovo ricercatore, confermato con contratto di tipo B, il dott. Pasquale Argenziano.
Valentina Orellana
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati