Di Natale riconfermato con un plebiscito

Elezione plebiscitaria per il prof. Michele Di Natale, 60 anni, ordinario di Costruzioni idrauliche e marittime, che si conferma Preside della Facoltà di Ingegneria della SUN. 74 voti a favore su 79 votanti, una percentuale di preferenze superiore al 90%. Gli aventi diritto al voto erano 84, 5 gli assenti, 5 le schede bianche. Una grande soddisfazione per il professore, che ha commentato: “Siamo un’unica grande squadra, che funziona solo se lavoriamo insieme”. Difatti, compiacimento per il risultato ottenuto, segno di forte coesione, è stato espresso dai colleghi docenti: “Il nostro Preside ha operato benissimo in questi 4 anni e ci aspettiamo ancora di più”, ha detto il prof. Raffaele Toscano, decano della Facoltà, “siamo diventati una realtà importante grazie anche al suo impegno. Sta facendo grandi cose”. Il prof. Francesco Scaramuzzino ha affermato: “Ha fatto piacere a tutti questa conferma. Ci aspettiamo 4 anni di grandi lavori. Abbiamo avuto il finanziamento per il III Lotto, che solo Di Natale può portare avanti. L’elezione è un riconoscimento al suo merito”. Le strutture della Facoltà saranno in effetti al centro del lavoro che il Preside si impegna a portare avanti nel prossimo futuro. Il trinomio che pronunzia quasi come fosse uno slogan della sua azione di guida, “studenti, didattica e servizi agli studenti”, passa per il completamento dei lavori già avviati e la realizzazione dei nuovi plessi dipartimentali. “Entro l’anno saranno conclusi i lavori di altri 2 lotti”, spiega, “amplieremo le aule, gli spazi di servizio agli studenti e il complesso dei laboratori. Il 18 giugno saranno inaugurati gli spazi restaurati di due nuove aree dipartimentali (Aerospaziale e Informazione, ndr), della segreteria studenti e dell’ampliamento della biblioteca per gli studenti. Con i prossimi lavori in corso di appalto si provvederà al completamento del Dipartimento di Ingegneria civile, alla realizzazione di un nuovo corpo  aule, dell’edificio per laboratori didattici e scientifici e degli  spazi per le attività sportive, con una palestra  e ricreative con l’arena all’aperto”. Dovrà essere prestata molta attenzione alla revisione e all’arricchimento dell’offerta didattica, “per entrare pienamente nello spirito del 3+ 2”, mettendo mano ai programmi per ogni insegnamento. “Tengo molto alla ricerca, che da noi ha grandi potenzialità in tutti i settori presenti. Penso a uno sviluppo su tre dimensioni, quella regionale, quella nazionale e quella internazionale. Abbiamo già molti rapporti scientifici su questi tre piani, che però vanno incrementati. E vanno incrementati anche i rapporti con il territorio. Insomma, la nostra Facoltà vuole crescere ancora”. Di Natale ringrazia sentitamente i colleghi che gli hanno rinnovato la fiducia, e ricorda che il suo è un “ruolo di servizio”. “Sono pronto a lavorare, c’è tanto da fare. Non mancherò mai di essere in contatto e di sviluppare le sinergie con le altre Facoltà e con l’Ateneo”. 
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati