Fotografi abusivi nelle sedute di laurea, arrivano “Le Iene”

60 euro per 10 foto con pagamento anticipato. Accade durante le sedute di laurea al Parthenope. Una vera e propria crociata contro i fotografi abusivi, l’hanno promossa i rappresentanti degli studenti dell’UDU.
“Nel settembre 2008 – racconta Peppe Sbrescia, rappresentante degli studenti in  Senato Accademico – abbiamo ricevuto diverse segnalazioni di studenti: i fotografi impedivano a parenti o amici dei laureandi di scattare fotografie durante la seduta, con il pretesto di essere i soli autorizzati. Siamo andati a verificare di persona e abbiamo notato che non solo questi impedivano a chiunque di scattare fotografie, ma lo facevano anche con modi bruschi e prepotenti. Insomma per un ricordo della seduta di laurea si deve necessariamente comprare le foto da loro ad un costo di 60 euro per 10 scatti e con pagamento anticipato, quindi senza neanche la possibilità di vedere il lavoro”.
Il Consiglio degli Studenti, così, nella seduta del 16 dicembre 2008 ha deciso di porre la questione al Senato Accademico, chiedendo di emettere un bando per fotografi in modo da istituzionalizzare queste figure, “ma – spiega Sbrescia – sia il Senato Accademico che il Consiglio di Amministrazione hanno bocciato la proposta sostenendo che non rientrava nelle competenze dell’Università”.
In seguito, i rappresentanti raccontano che il Rettore Ferrara si è impegnato ad allontanare i fotografi ma senza nessun risultato evidente. I passi successivi: “nell’autunno di questo anno, ci siamo rivolti alla Polizia per chiedere di intervenire e fermare questa vera e propria violenza, ma non è venuto nessuno. Esasperati – dichiara Sbrescia – ci siamo rivolti a ‘Le Iene’ che, dopo una mail inviata nel mese di novembre, sono venuti con le telecamere nascoste durante una seduta di laurea di dicembre, documentando e denunciando questa situazione assurda e ai limiti della legalità. Poi sono tornati a gennaio per parlare con il Rettore che, anche se con un po’ di ritrosia, ha alla fine ammesso l’esistenza del problema”.
Le due puntate del programma televisivo di Italia 1 ‘Le Iene’ sono andate in onda il 13 e il 27 gennaio. Risultato? “Sembra – dice Sbrescia – che gli uscieri abbiano finalmente avuto l’ordine di non far entrare i fotografi abusivi, ma stiamo aspettando ancora la reazione del Rettore. Speriamo che si arrivi ad una soluzione. Se ci devono essere dei fotografi durante le sedute di laurea, almeno che siano autorizzati, magari con un bando emesso dall’Ateneo, e che lavorino in maniera onesta”.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati