Lettere attiva corsi di abilitazione all’insegnamento

Partono alla Facoltà di Lettere i corsi della legge 143 di abilitazione all’insegnamento della Storia dell’arte, per  quali sono state già presentate trecento domande. Percorsi di studio che hanno lo sguardo puntato all’innovazione e all’attualità. “Per questi corsi – afferma la Preside della Facoltà prof.ssa Stefania Gigli Quilici – abbiamo predisposto un manifesto di studi molto curato e che rispecchia gli indirizzi attuali, basti pensare che disponiamo anche di un laboratorio di educazione al patrimonio”. I percorsi su arte, città e territorio saranno tutti svolti secondo una linea programmatica innovativa. “Saranno trattate tutte le novità relative alle varie modalità di approccio all’arte partendo dall’epoca antica fino ad arrivare a quella contemporanea, comprese le linee di sviluppo del territorio”. Uno studio che affonda le radici nel passato ma che riserva un’attenta valutazione al presente.
La grande attenzione ai beni culturali e, in misura maggiore, alla realizzazione di percorsi formativi curriculari che diano ampio spazio proprio allo studio dei beni culturali, ha portato alla stipula di un importante protocollo d’intesa tra la Seconda Università, il Ministero della Pubblica Istruzione, il Ministero per i beni e per le Attività culturali e l’Università degli Studi della Tuscia. Il protocollo, la cui stesura è stata seguita dal prof. Vincenzo D’Onofrio, prevede la costituzione di un Comitato scientifico con le rappresentanze istituzionali delle parti. Si è insediato il 12 marzo – presso la Biblioteca del Dipartimento di Matematica – alla presenza del sottosegretario di Stato Gaetano Pascarella. 
- Advertisement -





Articoli Correlati