Rossi Rettore SUN: con il 90% dei voti

Eletto dal 95% dei votanti. Così è stata sancita l’elezione del prof. Francesco Rossi a Rettore della Seconda Università di Napoli per il quadriennio 2006/2010, mercoledì 17 maggio (contro la scaramanzia). I votanti, infatti, sono stati 650 su 687. A Rossi è andato l’89% dei voti: 557. Mentre 41 sono state le schede bianche, 29 le nulle, 2 voti per Carmine Gambardella, 1 a Sica e 20 le schede non assegnate. Per il prof. Rossiello: “è la prima volta che abbiamo avuto un’elezione monotematica”. Due ore di festeggiamenti, di brindisi a base di spumante, di abbracci e baci di docenti, presidi, studenti, personale tecnico-amministrativo, hanno salutato l’elezione ed il cambio generazionale: Rossi è il più giovane rettore nella storia della Seconda Università, con ‘appena’ 58 anni. 
Lo scrutinio. Calore, partecipazione, entusiasmo hanno caratterizzato le fasi di scrutinio del voto. Presidente di seggio l’inflessibile Preside di Giurisprudenza, prof. Lorenzo Chieffi, segretario la prof.ssa Giovanna D’Alfonso, di Economia. Il candidato ha atteso nella sua stanza di Presidenza, “da solo”, come ha chiesto ai suoi collaboratori, “al massimo con una sola persona”. Presenti molti accademici di peso, dai candidati a Preside di Medicina, come Sagnelli, Calabrò e Pierantoni, al vicePreside Bellastella, a Martone (Ingegneria), De Rosa del Centro di Competenza BioTekNet, ai membri del CdiA, prof. Galletti, Rotondo e Clelia Mazzone, il ProRettore Mario Mustilli, Paolo Altucci (fra i decani di Medicina), il Preside Nicola Melone (di Scienze), il prof. Gaetano Borrelli Rojo di Architettura (ex Presidente dell’Ordine degli Architetti), dal prof. Carmine Gambardella (Architettura) –  che nell’urna troverà anche 2 voti di preferenza – ad un folto numero di rappresentanti degli studenti capitanati da Gennaro Fatigati, all’ufficio elettorale con la dott.ssa Candalino. Poi il prof. Marinelli e tanti altri.
Le operazioni di spoglio iniziano alle 15,05 e dopo dieci minuti il pubblico è già di un centinaio di presenti; per crescere via via fino ad oltre 200 unità. 
Alle 15,30 arriva una delle eminenze grigie della SUN, il prof. Gaetano Liccardo. 
Ore 15,32, ancora tre schede e scatta il quorum per l’elezione. Ogni scheda viene accompagnata da un tifo da stadio.
Alle 15,35 scoppia un fragoroso applauso, viene letta infatti la scheda n. 326: il Preside Rossi è il nuovo rettore, il quarto nella storia della Seconda Università di Napoli. Una metà della sala si alza per andare a portare la buona novella al neoeletto, che è rimasto in attesa nella sua stanza alla Presidenza della Facoltà.
Mentre proseguono le operazioni di scrutinio, arriva il dirigente vicario dell’ateneo, dott. Antonio Giulio Romano, insieme a due funzionari. Gli chiediamo: sarà promosso anche lei? E lui: “sì, fra un anno esatto vado in pensione”. Arriva il Preside Vincenzo Maggioni, di Economia (che sarà rieletto il giorno successivo). C’è la prof.ssa Cioffi. La dott.ssa D’Alessio, capo della segreteria del Preside, con alcuni impiegati, inizia ad allestire un tavolo con rustici e spumante. Si aprono i festeggiamenti. 
Il prof. Libero Berrino, uomo ombra di Rossi, resta invece seduto, immobile nell’aula dello scrutinio, a segnare le schede fino alla fine. Diligentemente. Ore 15,45, arriva il manager dell’azienda, dott. Luigi Muto. Dopo qualche minuto si chiudono le operazioni di voto. A Rossi l’89% dei voti, sul 95% dei votanti. Il prof. Rossiello anche stavolta ha indovinato. Ad Ateneapoli aveva infatti dichiarato: “prevedo l’85-88%, più l’1-2% a seguito dell’infortunio, per umana solidarietà”. E il dato finale corrisponde.
I festeggiamenti
C’è il personale docente e non docente, i ricercatori e i dottorandi di Farmacologia, il suo dipartimento. Breve discorso del neoeletto nella terrazza che collega Rettorato e Presidenza: per l’insediamento al neoeletto toccherà fare appena 30 metri. Rossi: “una buona affermazione che mi carica ancora di più di responsabilità”. “Sono molto emozionato. Un ringraziamento a tutti quanti mi hanno votato, al 95% dei colleghi che si è recato al voto: una coesione enorme. Grazie ad Antonio Grella, che è stato mio amico per anni. Ai Presidi, ai docenti, alla mia famiglia che mi sopporta da molti anni. Questa coesione e questo senso di appartenenza, spero che ci aiuti a farne un ateneo al passo con i tempi”. Poi un attimo di emozione. Dunque i festeggiamenti. Quindi ad Ateneapoli il neoeletto afferma: “la prof.ssa Sanpaolo (storica e temuta presenza a Medicina) è venuta a salutarmi. Non ho avuto 30 in Anatomia, da studente, ma è venuta a farmi ugualmente gli auguri”. 
Chiamano gli altri rettori campani: Ciriello de L’Orientale, Ferrara dal Parthenope, telefona il Preside Di Natale, di Ingegneria. Soddisfatto ma un po’ triste il personale di S. Andrea delle Dame. “Non abbandonerò la Farmacologia. Inizierò un po’ prima, alle 7,30: vi chiederò un sacrificio”, Rossi rincuora i suoi mentre brinda. Festeggiano il Dipartimento di Staminali; Rossi: “grazie, sono stati 5 mesi molto intensi”. “Oggi è una bella giornata, per la SUN, per la partecipazione e per un progetto condiviso. Ma anche per il prof. Luigi Nicolais, che è stato nominato Ministro”. “Dedico questa elezione all’ateneo ed alle tantissime persone che hanno collaborato a questa competizione: i giovani, le donne, tanti amici, il personale tecnico-amministrativo”. Ci sono molte donne e Rossi ha buon gioco: “noi, a Medicina, le quote rosa le teniamo sempre alte”. Avrete allora un ProRettore donna?, chiediamo. “Finora non ci abbiamo ancora pensato – è la risposta – ci metteremo al lavoro dalla prossima settimana”. E chissà… Anche per il Preside di Medicina? “Sì, anche per quello. Effettivamente 7-8 candidati sono troppi. Faremo una prima riflessione, insieme, in sintonia. Il primo voto sarà una specie di primarie. Anzi, ringrazio tutti i candidati, perchè in questi mesi hanno fatto campagna elettorale senza sovrapporsi con le elezioni del rettore. Uno stile che ho molto apprezzato”. Ancora, a chi gli fa ulteriormente notare il 95% di elettori, cifra che non si è mai vista nelle elezioni negli atenei campani, Rossi risponde: “un risultato che impone una grande responsabilità a tutti noi”.
Rossi indossa una cravatta blu con, in rosso, un ferro di cavallo. Mentre altri collaboratori gli hanno regalato un grosso ferro di cavallo in argento. Un po’ di scaramanzia visto il recente infortunio. Telefona anche il rettore Trombetti, è a Roma alla CRUI. “L’elezione CRUI è importante anche per gli atenei campani e del sud. Ti facciamo i migliori auguri”, gli dice. 
Il prof. Gregorio Laino, Presidente di Corso di laurea in Odontoiatria e direttore di dipartimento, porta una bottiglia di Moet & Chandon. Un altro brindisi. 
Un retroscena: “due elettori hanno aggiunto sulla scheda, che già riportava il nome del rettore, data di nascita e firma”. Più dichiarazione di voto di così! Naturalmente le schede sono state annullate.
Rossi: “sarà una squadra compatta” quella del rettore: “Sì, tutta della Facoltà di Medicina”, risponde ironico Michele Rotondo. E le altre facoltà? Preside e docenti di Economia, Scienze, Lettere? Rossi: “unità e collaborazione. Rotondo è il solito…” cabarettista. Infatti, tiene su il morale ed è il grande regista di telefonate e festeggiamenti, smista auguri e battute satiriche, chiama la Rai ed i quotidiani, dirigenti e semplici impiegati: ecumenico. Ma scherza anche con ironia, a stemperare l’aria quando si fa troppo seriosa.
Arrivano la Preside Gigli Quilici e Marcello Rotili, il prof. Gioacchino Tedeschi, di Neurologia e il prof. Petronella. Giungono altre bottiglie di spumante e nuovi brindisi. Rotondo filtra ancora le telefonate, “lo delegheremo ai rapporti con le istituzioni e le telecomunicazioni”, dice un docente. C’è anche la moglie del neorettore. È docente universitaria? “No. È una donna paziente”, risponde il prof. Mario De Rosa. Ore 18,00 si festeggia ancora, resta lo staff di segreteria della Presidenza, i ricercatori e le ricercatrici di Farmacologia, il prof. Berrino: chiuderà lui le luci, le porte, la Presidenza, quando tutti saranno andati via.
P.I.
- Advertisement -





Articoli Correlati