Scienze Biologiche 2 anticipa il trasloco a Monte Sant’Angelo

“Dopo venti anni di attesa il corso di laurea in Scienze Biologiche – nella sua versione sdoppiata – approda a Monte S. Angelo, ricollegandosi al resto della facoltà. Traslochiamo in anticipo, rispetto ai tempi dell’insediamento nella struttura a noi destinata, che è ancora da costruire e credo sarà pronta nel 2003. Lo facciamo grazie alla collaborazione delle strutture del Polo delle Scienze e delle Tecnologie ed in virtù di analoga disponibilità da parte della Facoltà di Economia e del suo Preside Massimo Marrelli”.
A sorpresa l’annuncio del professor Alberto Di Donato, Presidente del Corso di Laurea in Scienze Biologiche 2. L’operazione trasloco prevede due fasi e due tempi di attuazione diversi, come sottolinea lo stesso docente. “Le lezioni del primo anno, che nel primo semestre si sono svolte alla Mostra, per il secondo semestre saranno ospitate nell’aula della presidenza, a Monte S. Angelo. Abbiamo fatto questa scelta anche in considerazione del fatto che recentemente si sono trasferiti  dalla Mostra in via Cinthia gli ultimi fisici che vi erano rimasti. I nostri studenti sarebbero rimasti un po’ isolati; con lo spostamento delle lezioni del secondo semestre a Monte S. Angelo, invece, si ricollegano ad una comunità di diecimila studenti circa. I Dipartimenti restano ancora in centro storico, fino al completamento della sede a noi destinata. Io ed i miei colleghi siamo consci del fatto che questi studenti di Monte S. Angelo in qualche modo potranno soffrire della lontananza dai dipartimenti, della loro mancanza nel complesso universitario. Per ovviare a questo problema ci sforzeremo di farli stare bene”. 
A partire dal nuovo anno accademico, poi, i ragazzi di Scienze Biologiche 2 frequenteranno a Monte S. Angelo anche le lezioni dei laboratori, che saranno allestiti ed attrezzati nel migliore dei modi per l’attività sperimentale – è un impegno del professor Di Donato – nel complesso universitario di via Cinthia. “Li metteremo in un’area che appartiene al CDS. Uno spazio che sta per essere ristrutturato grazie al contributo dell’amministrazione. Economia, a sua volta, ci mette a disposizione un certo numero di studi per i docenti”.
Per gli studenti che già frequentano la struttura universitaria di via Cinthia, tuttavia, Monte S. Angelo non significa solo aule capienti, laboratori adeguati, centri comuni. Vuol dire anche mancanza di una mensa e difficoltà di spostamento, da piazzale Tecchio al complesso ed all’interno dello stesso. “A quanto mi risulti è stato raggiunto un accordo con l’Edisu, che firmerà un contratto  con l’Azienda Napoletana Mobilità. Prevede due pullman navetta: partiranno  dalla stazione di piazzale Tecchio e viaggeranno anche all’interno del complesso universitario. Dovrebbero partire a distanza di una quindicina di minuti l’uno dall’altro. Come presidente di corso di laurea posso garantire, inoltre,  che la sede a noi destinata prevederà uno spazio apposito destinato a mensa”.
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati