Seminari giuridici, dialoghi tra studiosi di nuova generazione ed i Maestri della Facoltà

‘Un dialogo tra studiosi’ quello che si è tenuto venerdì 22 maggio nell’aula Pessina di Corso Umberto. Il Preside Lucio De Giovanni, nel presentare il ruolo che i Seminari giuridici svolgono all’interno della Facoltà, ha sottolineato la loro importanza come luogo di formazione e crescita. “L’iniziativa – spiega il Preside – è nata dalle esperienze dei miei Maestri negli anni ’70. All’epoca, gruppi di studiosi si riunivano per colloquiare di diritto. E’ per dare di nuovo vita a queste discussioni che abbiamo pensato ad una serie di incontri rivolti ad un pubblico vasto”. Ogni incontro sarà caratterizzato da un argomento principe intorno al quale ruoteranno le tesi di tre ricercatori o professori universitari, seguiti e coordinati da un docente della Facoltà. “Il nostro intento è quello di rivitalizzare la figura dei Professori Emeriti – continua il prof. De Giovanni – Il coordinatore, di volta in volta, agirà come il lievito, farà crescere la pasta, svilupperà ed amplierà la portata dell’incontro. Per questo motivo creare un’occasione di crescita al di là dei luoghi in cui ci si incontra di solito ha un valore particolare. In questo periodo in Facoltà nascono ricerche molto significative ed è giusto che queste vengano portate a conoscenza di chi investe il suo tempo nel campo giuridico”. Conoscere e dialogare con i rappresentanti del diritto è per i più giovani motivo di crescita e confronto e ogni incontro, a cadenza mensile, porterà un valore aggiunto alle loro conoscenze. “Avere la possibilità di sperimentare più discipline, creando un confronto diretto tra chi ha fatto la storia e chi sta per scriverne una nuova pagina, non può essere che motivo di vanto per tutti noi. I più giovani devono avere la possibilità di mettere in mostra il lavoro che producono. Concedere la possibilità di colloquiare in modo diretto, attraverso la guida di un Maestro, è un’opportunità unica”. L’università, sottolinea il Preside, “è pronta a ripartire da qui, dove si formano e crescono i giuristi del domani”. Discussant del primo appuntamento su “Diritto giurisprudenziale e ruolo delle corti” il prof. Michele Scudiero. “I giovani ricercatori hanno espresso che fosse proprio lui a dare inizio al ciclo di seminari, un uomo che ha fatto e continua a fare grandi cose e dalla cui esperienza non si può prescindere e che ha dato il suo prestigioso contributo nell’organizzazione degli incontri, nonché suggerito le migliori formule per l’approfondimento delle tematiche sviluppate”, conclude il Preside. 
I seminari, spiega il prof. Scudiero, “sono colloqui critici atti a sviluppare le capacità dei nostri ricercatori. Questa iniziativa ha il privilegio di mettere in contatto i professori con coloro che fanno ricerca sviluppando una formula nuova di sapere ed informazione”. I seminari, che proseguiranno per tutto il 2009, hanno come finalità il porsi delle domande. “Quest’occasione di alto livello permette di fare delle riflessioni importanti per il pensiero giuridico. Per questo motivo è richiesto del tempo, la cadenza mensile ha un suo significato, il pensiero è ripartito in un periodo più lungo e da risultati diversi, si arricchisce di contenuti e diviene teoria. Il tessuto universitario ha bisogno di queste esperienze per diventare più denso”, sottolinea l’ex Preside. 
Gli incontri, a cui possono partecipare tutti gli studenti interessati, hanno come filo conduttore “il mondo del diritto, le sue sfaccettature ed il suo continuo evolversi nella società moderna, rapportato al lavoro quotidiano che fanno di esso i giovani ricercatori”, conclude il prof. Scudiero. Prossimo incontro previsto il 23 giugno dal titolo ‘Ricerca del vero e logica del giudizio’; relatore il prof. Aldo Mazzacane. 
Susy Lubrano
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati