Vince la lista Orientale ’05-Asterisco

Orientale’05-Asterisco fa enplain alle elezioni per le rappresentanze studentesche del 17 e 18 marzo: ottiene la maggioranza in Consiglio degli Studenti con ben ventisei seggi su trenta e tre rappresentanti tra Consiglio di Amministrazione dell’Adisu e Comitato per lo Sport Universitario. Bassissima l’affluenza alle urne (meno dell’1%).
I due seggi disponibili all’Adisu vanno uno a Orientale 05 – l’eletta è Francesca Rosa D’Ambra con 145 voti – e l’altro alla lista L’AFAMè – primo eletto, con 202 preferenze, è Francesco Pica -. “Davvero non mi aspettavo questa vittoria e ne sono gradevolmente sorpreso”, commenta Pica, studente di Lettere alla sua prima candidatura.  “Ci sono diverse questioni all’Adisu che vanno risolte e per cui mi batterò”, afferma. Prima fra tutte: il mancato diritto all’elettorato passivo per gli studenti di Accademia e Conservatorio, “una vera ingiustizia e una discriminazione che spero non si riproponga alle prossime votazioni”. Per quanto riguarda, invece, più propriamente il diritto allo studio, “c’è da affrontare il problema mensa; è impensabile che studenti che si trovano in diverse sedi nel centro storico debbano tutti andare a ritirare i buoni pasto a Palazzo Giusso. La mia proposta è di dislocare i centri di distribuzione in diverse sedi, magari anche con  postazioni elettroniche”.
Al Comitato per lo sport Universitario, invece, entrambi i seggi disponibili vanno ad Orientale 05-Asterisco. Eletti Giuseppe Cozzolino (180 voti) e Cristian Patrizio (91 voti). “Sono ovviamente molto soddisfatto del risultato ottenuto al CUS. I 180 voti dimostrano che i ragazzi hanno avuto fiducia in me, – commenta Cozzolino, consigliere uscente – Soprattutto se si pensa che due anni fa fui eletto in Consiglio degli Studenti con una cinquantina di voti”. “Ora bisogna cominciare a rivalutare seriamente le strutture del CUS di cui molti studenti de L’Orientale continuano ad ignorare l’esistenza. – continua – Credo che lo sport sia un ottimo strumento di socializzazione e, perché no, di integrazione. C’è un potenziale enorme in ognuno di noi, troppo spesso non sfruttato ed anzi represso per dare spazio a social network e cose simili, quando invece gli sport di squadra, e perfino quelli individuali, aiutano tantissimo nel dimostrare le qualità anche caratteriali delle persone. Il mio lavoro, assieme a quello di Cristian Patrizio, si concentrerà proprio su questo: rivalutazione dei tornei provinciali e regionali, maggiore pubblicizzazione delle iniziative del CUS e recupero degli spazi abbandonati e delle strutture delocalizzate che attualmente il CUS possiede e non valorizza”.
Nuovo sistema
di tassazione
dal prossimo anno
26 seggi su 30 il bottino di Orientale ‘05-Asterisco al Consiglio degli Studenti d’Ateneo. A Lingue e Studi Arabo Islamici era l’unica lista candidata, così sono stati eletti Emanuele Emione, Antonio Lepre, Giuseppe Cozzolino, Angelo Libertini, Olimpia Panariello, Maria Di Mare, Pasquale Brancaccio, Serena Speranza, Marica Esposito, Salvatore Fettuccia, Gaetano Ioime (Lingue) e Dario De Stefano (Studi Arabo Islamici). “E’ stato un ottimo risultato che conferma il buon lavoro svolto nell’ultimo mandato”, dichiara Emanuele Emione, consigliere uscente e papabile come prossimo Presidente del Consiglio degli Studenti. 
A Lettere sono stati eletti nove rappresentanti di Orientale 05-Asterisco (Cristian Patrizio, Pietro Esposito, Mariarosaria Colella, Eufemia Cosentino, Francesco Crasta, Marzia Panetta, Germana Barbato, Domenico Gentile e Roberta Smaldone) e tre rappresentanti della lista ‘Uno di Sinistra’ (Matilde Cioppa, Carmen Scialò e Igor Prata). “E’ andata come ci aspettavamo – spiega Prata, consigliere uscente – Noi non abbiamo una piattaforma stabile in Ateneo e questo ci rende poco visibili; vorremmo, pertanto, dar vita ad un’associazione politico-culturale che crei aggregazione studentesca. Siamo pronti, in ogni caso, a collaborare con Orientale 05: bisogna essere uniti tra rappresentanti, anche se di liste diverse, per portare avanti le istanze degli studenti”. Disponibilità a collaborare arriva anche da Orientale 05, come spiega Patrizio, uno dei neo eletti al primo mandato. “Non mi aspettavo questo risultato – commenta entusiasta Patrizio – Ho deciso di candidarmi con questa lista perché è un’associazione che non fa riferimento  a nessun partito”. Tra le questioni più urgenti da affrontare per Patrizio: “la diffusione della rete wifi e altri appelli d’esame. Inoltre, andrebbe migliorato ulteriormente il servizio di segreteria perché è impensabile perdere ore ogni volta che si ha bisogno di un certificato: è tutto tempo che si sottrae allo studio”. 
Alfredo Barillari, Francesca D’Ambra, Mario Giancaterina, Maria Elena Giaimi e Andrea Amitrano (Orientale 05-Asterisco); Vincenzo Moccia  (Uno di Sinistra) gli eletti a Scienze Politiche. “Sono certo che lavoreremo in pieno accordo con Vincenzo”, afferma Alfredo Barillari, attuale consigliere di amministrazione in Ateneo. Il nuovo sistema di tassazione: sarà una delle questioni che richiederà la massima attenzione. “Dopo la mobilitazione ‘Sabomav’ di due anni fa, è rimasto tutto in sospeso, ma, come già annunciato, dal prossimo anno verrà introdotto il sistema Isee. Se si mantiene lo stesso modello di tassazione proposto l’ultima volta, faremo battaglia perché non riteniamo che si sia effettuata un’equa ripartizione delle fasce”. E alla domanda su un possibile aumento, Barillari risponde: “non si tratta di aumentare le tasse o meno, perché con il modello Isee verrà semplicemente inserito un nuovo sistema di tassazione che potrebbe portare aumenti per alcuni o riduzioni per altri, il punto è che non andava bene come era stato presentato due anni fa perché c’erano delle scale troppo basse, sia per la fascia minima che per la massima”. Anche Emione aggiunge che “stiamo già lavorando su questa questione per far sì che il nuovo modello venga introdotto nel modo meno traumatico possibile” .
Al Consiglio di Facoltà di Studi Arabo Islamici sono state ricoperte solo due delle tre cariche disponibili  in quanto non ci sono voti per il terzo candidato. Risultano, dunque, eletti: Dario di Stefano e Fatima Ouarzy rispettivamente con 17 e 7 preferenze.
Valentina Orellana
- Advertisement -





Articoli Correlati