Ad Ingegneria studenti in volo oltre le nuvole

Ad Ingegneria studenti in volo oltre le nuvole

Incontro con il settore aerospaziale promosso dalla Consulta della Pastorale Universitaria

“La Campania è la seconda regione più importante per la ricerca aerospaziale, dopo la Lombardia”. A dirlo è Angelo Cirillo, della Consulta della Pastorale Universitaria e della Cultura della diocesi di Aversa, riferendosi al seminario ‘In volo oltre le nuvole e fino alle stelle’, tenutosi lo scorso 24 maggio presso l’Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria e organizzato dal Decano di Ingegneria aerospaziale Antonio Viviani, da Giuseppe Pezzella e dallo stesso Cirillo. L’evento, in collaborazione con la rivista ‘Guitmondo’ di cui Pezzella è condirettore, ha visto la partecipazione di personalità autorevoli nell’ambito dell’aerospazio, tra cui membri dell’Aeronautica e vertici del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali di Capua. Presenti anche il sindaco di Aversa, Alfonso Golia, il vicedirettore della Specola Vaticana, padre Gabriele Gionti, e lo scrittore, divulgatore scientifico e giornalista aerospaziale Sergio Di Bernardo Nicolai. “Il seminario è nato dalla volontà di fare il punto in un momento particolare – spiega Cirillo – cioè tra la fine dei corsi e l’inizio della sessione di esami. Non solo, nasce con la precisa intenzione di mettere in relazione gli studenti e gli enti che operano sul nostro territorio. Quello aerospaziale è per il casertano – e per tutta la Campania – un settore trainante, ed è essenziale che gli studenti conoscano le possibilità che questo territorio offrirà loro”. Si è parlato di aeronautica e di spazio, sfruttando peraltro una data simbolo. Quest’anno ricorre, infatti, il centenario della fondazione dell’Aeronautica Militare Italiana – 1923-2023 – e questo seminario si è posto come un omaggio all’istituzione che, come evidenzia Cirillo, “ha dato e continua a dare un importante contributo alle scienze aeronautiche e spaziali”.
Grande affluenza per un incontro che ha accompagnato, seppure per un tempo limitato, gli studenti sopra le nuvole. C’è Luigi Ferraro, della Triennale in Ingegneria aerospaziale, che ripensa alla giornata con grande emozione. “Sebbene non sappia ancora quale sarà la mia strada – dice – sono contentissimo di avere scelto questo percorso di studi. Personalmente mi vedrei meglio nell’automotive, ma non voglio precludermi nulla. Giornate come questa sono in grado di motivare gli studenti e di far capire loro che le scelte sono importanti. La viva voce dei protagonisti di questo settore, inoltre, ci rende un’idea precisa di quali sono i successi che potremo conseguire mettendo in gioco impegno e determinazione”. E poi Rebecca Camerlingo, all’ultimo anno della Triennale in Ingegneria aerospaziale, che è molto determinata: Voglio lavorare con l’Aeronautica, di questo sono sicura – afferma – Questo settore è ricco di opportunità e non ho intenzione di lasciarmele scappare. Personalmente credo che i nostri docenti siano stati molto abili a trasmetterci il giusto carico di motivazione”. Il riferimento è alle uscite outdoor, che sono state una costante nel corso del triennio: “Abbiamo partecipato alla seconda edizione della Giornata dello Spazio, abbiamo visitato l’Agenzia Spaziale Italiana e abbiamo fatto numerose altre esperienze. Insomma – sottolinea Rebecca – i nostri docenti hanno fatto in modo che all’apporto teorico facesse da contraltare la realtà pratica, fatta di persone che lavorano nel settore dell’aerospazio, suggerendoci modelli validi per il nostro avvenire”.

La giornata è stata un successo, conclude Cirillo, “perché gli studenti erano tanti e molto interessati. La Consulta è molto impegnata nella trasmissione delle conoscenze scientifiche, assumendo sul territorio un rilievo affatto secondario, grazie anche all’apporto della sua rivista, Guitmondo, che si impone quale entità di trasmissione del sapere in grado di valicare i confini territoriali. Proseguiremo su questa scia, lieti di poter rendere un servizio alla collettività e di proporre contenuti di alto interesse scientifico”.
N.Di N.

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here






Articoli Correlati