“Nuova ondata di viaggi e speranze” per gli studenti

Comincia oggi la nuova ondata di viaggi e speranze. L’Erasmus è un’esperienza di studio all’estero, ma soprattutto una scelta di vita: chi parte deve sicuramente tornare con dei crediti in valigia, valutando però ciò che il periodo di mobilità può offrirgli in toto, dal punto di vista dell’arricchimento sul piano delle competenze linguistico-culturali, che nei termini di una crescita complessiva”, afferma in apertura del consueto appuntamento annuale dell’Infoday – si è tenuto nella mattina del 26 novembre presso la Sala del Capitolo in Vico San Domenico Maggiore – sul nuovo bando Erasmus+ Studio per l’anno accademico 2019/2020 (con decorrenza a partire dal 1° giugno) il germanista prof. Sergio Corrado, Delegato d’Ateneo per il Programma Erasmus+. Poi annuncia subito i primi passaggi, a partire dal Bando (scadenza il prossimo 21 dicembre), che è, in effetti, “la Bibbia dell’Erasmus. Ed è imprescindibile una sua lettura accurata, perché in esso trovano risposta molteplici quesiti, dalla domanda di partecipazione sino all’accreditamento al rientro”. Nessuna novità strutturale rispetto agli anni precedenti. Si è ampliata, invece…
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 10 dicembre (n. 18-19/2018)
o in versione digitale all'indirizzo: https://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati